Bamiyan- Afghanistan
Bamiyan- Afghanistan
Vita di città

Cooperazione internazionale, Matera riferimento per beni culturali

La città dei Sassi diventa partner dell’Agenzia Italiana per lo sviluppo (Aics)

Ancora un altro riconoscimento per il buon lavoro svolto. Ancora un progetto di cooperazione che vede al centro la citta d ei Sassi.

Matera, in qualità di partner dell'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (Aics), si adopererà per la creare di progettazioni, in collaborazione con altre nazioni, finalizzati alla crescita economica e produttiva dei territori di riferimento, da realizzare tramite interventi che avranno come obiettivo la valorizzazione del patrimonio culturale, oltre all'implementazione del settore strategico dell'industria culturale e creativa, vero fiore all'occhiello della città dei Sassi.

Un'idea portata avanti dai rappresentanti dell'Aics che sono giunti a Matera per discutere con il sindaco De Ruggieri. Rosario Centola e Emilio Cabasino, dell'Aics hanno infatti espresso la volontà dell'agenzia di siglare un'intesa che coinvolga sia l'Unesco, che l'Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, collaborando alla realizzazione di progetti che abbiano come obiettivo ultimo il recupero del patrimonio culturale e storico architettonico di Paesi in via di sviluppo.

Ecco allora spiegata la suggestiva ipotesi di realizzare un'intesa tra le città di Matera e Bamiyan (Afghanistan), entrambe facenti parte del patrimonio dell'umanità riconosciuto dall'Unesco.

Con un primo passo di questa attività che potrebbe essere la firma di un patto d'azione tra le città di Matera e Bamiyan (Afghanistan), entrambe iscritte nella lista del patrimonio mondiale dell'Unesco. Numerose le analogie tra le due città.

Infatti, Bamiyan, città famosa per la presenza dei due Buddha scolpiti nella roccia distrutti nel 2001 dai Talebani, è Patrimonio Unesco dal 2003 e si trova sul percorso dell'antichissima Via della Seta.

A Bamiyan sono stati edificati numerosi monasteri buddhisti sin dal II secolo dopo Cristo.
I monaci hanno vissuto come eremiti in piccole grotte scavate nella. Con la zona archeologica vicina alla città che presenta i segni del passaggio di numerose popolazioni diverse: dagli Indiani ai Persiani, dai Cinesi ai Greci.

"Il rapporto con Aics e Unesco permette alla città di diventare un riferimento per le politiche di cooperazione internazionale finalizzate allo sviluppo e ci consente di crescere in un rapporto di interscambio con mondi e culture differenti"- ha commentato il sindaco De Ruggieri.

Una grande opportunità da non fasi sfuggire per una città come Matera che porterà in dote l'esperienza maturata sui temi legati alla cultura e alla conservazione del patrimonio culturale.
  • Beni culturali
  • Scuola di restauro
Altri contenuti a tema
Il sindaco De Ruggieri apre l’anno accademico della Scuola di Alta Formazione e Studio dell’ISCR Il sindaco De Ruggieri apre l’anno accademico della Scuola di Alta Formazione e Studio dell’ISCR Il ricordo di Michele D’Elia e del percorso che portò all’istituzione della sede distaccata
I sindaci di Norcia e Cascia a Matera lunedì 19 giugno I sindaci di Norcia e Cascia a Matera lunedì 19 giugno Prima tappa a Palazzo di Città, seconda alla Scuola di Alta Formazione per il Restauro
Quadrilatero culturale  per far grande Matera Quadrilatero culturale  per far grande Matera Nasce Acamm: il Sistema dei Musei e dei Beni Culturali
1 Master in "Progettazione e comunicazione per i Patrimoni culturali" Master in "Progettazione e comunicazione per i Patrimoni culturali" Le lezioni partiranno a Gennaio 2017
Affidamenti diretti per le chiese rupestri riaperte al pubblico Affidamenti diretti per le chiese rupestri riaperte al pubblico Ancora nessuna programmazione nella gestione dell'offerta turistica
Matera non è una città per turisti Matera non è una città per turisti Chiusi nuovamente il Convicinio di Sant'Antonio, Santa Barbara e Santa Maria de Armenis
Gli allievi della Scuola di Restauro di Matera al Museo-Laboratorio della Civiltà contadina Gli allievi della Scuola di Restauro di Matera al Museo-Laboratorio della Civiltà contadina Alla scoperta di attrezzi, materiali e tecniche d’uso del passato
Presentata la nuova scuola di restauro a Matera Presentata la nuova scuola di restauro a Matera Venti allievi saranno scelti per due percorsi formativi professionalizzanti
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.