Frutta e Verdura
Frutta e Verdura
Territorio

Molto spesso il prezzo basso nasconde il business delle Agromafie

In Italia un fenomeno dilagante. Ma in Basilicata e a Matera?

Anche se in pochi ne conoscono il significato, per "Agromafia" si intendono attività illecite della criminalità organizzata che coinvolgono tutto il comparto agricolo e la filiera alimentare, dove la criminalità investe denaro sporco per controllare settori 'puliti' quali la ristorazione, la grande distribuzione e persino il turismo agricolo, accanto alle ingerenze illegali in settori già consolidati come il ciclo dei rifiuti, le coltivazioni e la distribuzione dei prodotti ortofrutticoli.

Dall'Agromafia quasi nessuna regione italiana può dichiararsi immune. Sono ormai all'ordine del giorno scandali, arresti, sequestri e chiusure anche di importanti centri di raccolta e di smistamento della materia prima. Tanti i consumatori finali che si sono sempre interrogati sul perché di una anomala lievitazione dei prezzi in alcuni periodo, o del perché uno scaffale fosse pieno di una materia prima insolita per la zona e non ricca dei prodotti del posto.

Associazione per delinquere di stampo mafioso e camorristico, concorso in associazione mafiosa, truffa, estorsione, porto illegale di armi da fuoco, riciclaggio, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, contraffazione di marchi, illecita concorrenza con minaccia o violenza e trasferimento fraudolento di valori sono le tipologie di illeciti riscontrate con più frequenza da parte delle organizzazioni criminali operanti nel settore agroalimentare con il business delle Agromafie che ha superato i 16 miliardi di euro nel 2015.

E' quanto è emerso all'incontro di presentazione del quarto Rapporto sui crimini agroalimentari in Italia elaborato da Eurispes, Coldiretti e Osservatorio sulla criminalità nell'agricoltura e sul sistema agroalimentare. Per raggiungere l'obiettivo i clan ricorrono a tutte le tipologie di reato tradizionali: usura, racket estorsivo e abusivismo edilizio, ma anche a furti di attrezzature e mezzi agricoli, abigeato, macellazioni clandestine o danneggiamento delle colture con il taglio di intere piantagioni. Con i classici strumenti dell'estorsione e dell'intimidazione impongono la vendita di determinate marche e determinati prodotti agli esercizi commerciali, che a volte, approfittando della crisi economica, arrivano a rilevare direttamente. Non solo si appropriano di vasti comparti dell'agroalimentare e dei guadagni che ne derivano, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocando l'imprenditoria onesta, ma compromettono in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l'effetto indiretto di minare profondamente l'immagine dei prodotti italiani e il valore del marchio Made in Italy. Gli aspetti patologici dell'indotto agroalimentare, come la lievitazione dei prezzi di frutta e verdura fino a 4 volte nella filiera che va dal produttore al consumatore, sono la conseguenza non solo dell'effetto dei monopoli, ma anche delle distorsioni e speculazioni dovute alle infiltrazioni della malavita nelle attività di intermediazione e trasporto, secondo l'analisi della Direzione Investigativa Antimafia.

Ma passiamo alla nostra Basilicata e a Matera per la precisione. In Basilicata c'è un livello medio basso l'intensità del fenomeno delle agromafie in Basilicata, un risultato che pone la regione tra quelle con minore incidenza del problema del Mezzogiorno. In particolare Matera il 48esimo posto della speciale classifica.
Nel 2016 si e' registrata un'impennata di fenomeni criminali che colpiscono e indeboliscono il settore agricolo nostrano dove quasi quotidianamente ci sono furti di trattori, falciatrici e altri mezzi agricoli, gasolio, rame, prodotti (dai limoni alle nocciole, dall'olio al vino) e animali con un ritorno prepotente dell'abigeato.

Come difendersi? Iniziamo ad imparare a leggere le etichette. Ha comprare dal nostro fornitore di fiducia il prodotto a KM 0. Ad interrogarci sulla provenienza delle materie prime e a non farci più ingannare dal prezzo civetta. Molto spesso il prezzo basso nasconde il business delle agromafie.
  • Mafia
  • Agroalimentare
Altri contenuti a tema
Prorogato bando per sostenere il paniere lucano Prorogato bando per sostenere il paniere lucano 700mila euro per la promozione di produzioni lucane di qualità
La famiglia Divella Group cresce ancora, presentato il brand "Divì" La famiglia Divella Group cresce ancora, presentato il brand "Divì" A Gravina. Da un'idea di Christian Divella, nasce per valorizzare le eccellenze alimentari
Troppe paninoteche ambulanti nei giorni della Bruna Troppe paninoteche ambulanti nei giorni della Bruna Questa la dura denunzia del Cna Agroalimentare Matera
Fornai, pane e Basilicata agroalimentare a Masterchef Fornai, pane e Basilicata agroalimentare a Masterchef La puntata andrà in onda il 5 gennaio alle 21.15 su Sky Uno HD
Basilicata, tutto pronto per Expo2015 Basilicata, tutto pronto per Expo2015 In vetrina i grandi temi lucani: acqua, agroalimentare e Matera2019
A Matera il mercatino delle cose buone A Matera il mercatino delle cose buone Prodotti a km 0 protagonisti giovedì in Piazza Vittorio Veneto
Mafia, 8 arresti tra cui uno dei Gambino Mafia, 8 arresti tra cui uno dei Gambino L'imprenditore materano Lorenzo Marsilio vittima di una tentata estorsione dei boss americani
Poteri invisibili, presentato il libro di Don Cozzi Poteri invisibili, presentato il libro di Don Cozzi Nasce il presidio "Libera" a Matera
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.