Libri scolastici
Libri scolastici
Scuola e Lavoro

Proteste degli studenti, solidarietà del sindacato

La Uil sostiene le manifestazioni sorte per i due ragazzi morti negli stage

"La protesta degli studenti, perché non si può morire di scuola a 16 anni e neanche a 18 anni, rappresenta un grido al quale vogliamo e dobbiamo unirci. In tutte le città italiane dove in questi giorni, come è accaduto a Potenza e a Matera, si diffondono i sentimenti di dolore giovanile, si ricordano con commozione e rabbia le morti di Lorenzo Parrelli e Giuseppe Lenoci, i due giovani che hanno perso la vita durante l'alternanza scuola-lavoro a distanza di tre settimane". Lo sostengono la Uil Basilicata e la Uil scuola lucana.

"Raccogliamo questo grido di dolore", aggiungono i sindacati, perché "al centro del nostro rinnovato impegno c'è il tema degli infortuni sul lavoro dei giovanissimi tra i 15 e i 19 anni, da allargare a tutti gli under 30, cioè coloro più interessati da periodi di stage formativi e apprendistato. Questo accade perché i giovani sono più soggetti a lavori precari e di scarsa qualità che nel corso del 2021 sono aumentati a scapito di contratti a tempo indeterminato".

Quanto alla Basilicata, la Uil ha chiesto alla Regione "più risorse per il potenziamento dei controlli sulla sicurezza all'interno delle aziende" e di aprire "finalmente un serio confronto con le istituzioni". "La sicurezza sul lavoro - concludono - è un aspetto che richiama le istituzioni, le parti sociali e la comunità ad un grande responsabilità. Gli studenti vengono spinti ad avvicinarsi subito al mondo del lavoro ma questo non è accettabile. Vogliamo, come i nostri ragazzi, una scuola che ponga al centro l'educazione, una educazione che deve trasformarsi per trasformare".
  • Scuola
  • UIL Basilicata
Altri contenuti a tema
Aumenta il lavoro precario, i dati in Basilicata Aumenta il lavoro precario, i dati in Basilicata Uil Basilicata chiede un patto regionale per l'occupazione
Scuola senza riscaldamento, i genitori scrivono al Prefetto Scuola senza riscaldamento, i genitori scrivono al Prefetto Costituito comitato per alcune classi di piazza degli Olmi
Scuola: in provincia di Matera altri 500 alunni in meno Scuola: in provincia di Matera altri 500 alunni in meno A causa della riduzione demografica
Scuola in piazza degli Olmi, trasferite le aule Scuola in piazza degli Olmi, trasferite le aule Spostate in altri due plessi. Questa la soluzione per il problema del riscaldamento
Green Game: Partito il tour nelle scuole di Matera! Green Game: Partito il tour nelle scuole di Matera! Danno il via gli studenti dell'ITCG "Loperfido - Olivetti"
Uil Basilicata: "Ogni vanno vanno via 3000 giovani della Basilicata" Uil Basilicata: "Ogni vanno vanno via 3000 giovani della Basilicata" Il sindacato in allarme dopo gli ultimi dati demografici
L'UPI Basilicata sul dimensionamento scolastico L'UPI Basilicata sul dimensionamento scolastico "Va reso definitivo il limite di 500 e 300 studenti per istituto"
Consegnati i diari della Polizia di Stato Consegnati i diari della Polizia di Stato Incontro all'istituto comprensivo "Giovanni Pascoli" di Matera
© 2001-2023 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.