Nucleare, aree idonee della Basilicata
Nucleare, aree idonee della Basilicata
Enti locali

Rifiuti radioattivi, iniziati gli incontri sul deposito nazionale

Ad ottobre è prevista la sessione per Basilicata e Puglia

Il 7 settembre si è aperto il seminario nazionale che ha l'obiettivo di approfondire, con tutti i soggetti interessati, gli aspetti tecnici legati al progetto del deposito nazionale dei rifiuti radioattivi e parco tecnologico, a seguito della pubblicazione della carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (Cnapi), avvenuta il 5 gennaio scorso. Sono 67 i siti individuati in tutta Italia e tra questi 14 ricadono in territorio lucano, ben 5 a Matera, prevalentemente al confine con la Puglia e nello specifico con i territori di Altamura e Laterza.

In occasione del seminario nazionale verranno approfonditi diversi temi, legati al deposito, con particolare riferimento alla rispondenza delle aree individuate nella CNAPI, ai requisiti internazionali stabiliti dalla Iaea (International Atomic Energy Agency) e a quelli nazionali individuati dallIsin (Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione). Saranno illustrati, inoltre, gli aspetti relativi alla sicurezza dei lavoratori, della popolazione e dell'ambiente, e i benefici economici e di sviluppo territoriale collegati alla realizzazione dell'opera e alle misure compensative previste.

Il Seminario nazionale si articolerà in nove incontri, trasmessi in diretta streaming sul sito seminariodepositonazionale.it. Oltre alle sedute plenarie di apertura e chiusura sono programmate sette sessioni di lavoro, una nazionale e sei territoriali, che interesseranno le aree potenzialmente idonee presenti nelle regioni coinvolte: Piemonte, Toscana, Lazio, Puglia e Basilicata, Sicilia, Sardegna. Il 26 ottobre è stata fissata una sessione congiunta per Basilicata e Puglia. Entrambe le regioni hanno dichiarato il "no" alla localizzazione del deposito, presentando delle osservazioni.

Il Seminario Nazionale si concluderà il 15 dicembre, con la pubblicazione del resoconto complessivo dei lavori che termineranno il 24 novembre. A seguito della pubblicazione degli atti, si aprirà la seconda fase della consultazione pubblica, della durata di trenta giorni, durante la quale potranno essere inviate eventuali ulteriori osservazioni e proposte tecniche finalizzate alla predisposizione e alla pubblicazione della carta nazionale aree idonee (Cnai). Al termine di questa fase le Regioni e gli Enti locali potranno esprimere le proprie manifestazioni d'interesse, non vincolanti, ad approfondire ulteriormente l'argomento.
  • Deposito nucleare
Altri contenuti a tema
Tavolo no scorie Basilicata e Puglia: pronti anche al ricorso al Tar Tavolo no scorie Basilicata e Puglia: pronti anche al ricorso al Tar I sindaci mantengono la linea della fermezza
Insediato il Tavolo No scorie nucleari in Basilicata e Puglia Insediato il Tavolo No scorie nucleari in Basilicata e Puglia Resterà costituito finché ci sarà il rischio del deposito nazionale
Nucleare: un Comune del Piemonte vuole deposito nazionale di scorie Nucleare: un Comune del Piemonte vuole deposito nazionale di scorie Favorevole il ministro all'ambiente. Matera ha ribadito il suo "no"
Deposito nucleare: Province Basilicata chiedono incontro a Sogin Deposito nucleare: Province Basilicata chiedono incontro a Sogin Marrese: "Le osservazioni non sono state accolte. Ci spieghi perché"
A Matera un consiglio comunale straordinario sul deposito nucleare A Matera un consiglio comunale straordinario sul deposito nucleare Invitati i sindaci degli altri Comuni
Deposito nucleare: in Basilicata tutti ribadiscono il "no" Deposito nucleare: in Basilicata tutti ribadiscono il "no" Nessuno vuole il "cimitero" di scorie radioattive
Deposito nucleare: Matera, Altamura e Gravina ancora nella lista Deposito nucleare: Matera, Altamura e Gravina ancora nella lista Il Ministero dell'Ambiente ha pubblicato la carta delle aree idonee
No al nucleare, azione dimostrativa a Matera No al nucleare, azione dimostrativa a Matera Per ribadire la netta contrarietà al deposito nazionale in Basilicata e Puglia
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.