PROPOSTA LEGGE TUTELA FAMIGLIE E BAMBINI
PROPOSTA LEGGE TUTELA FAMIGLIE E BAMBINI
Territorio

Rospi (M5S): "Basta morti per annegamento"

Proposta di legge a tutela di famiglie e bambini

"In Italia ogni anno annegano circa 400 persone, tanto che l'Istituto Superiore di Sanità la definisce la strage silenziosa dell'acqua. Una cifra tristemente rimasta invariata dal 1995 ad oggi. In conferenza stampa alla Camera dei Deputati ho presentato i dettagli della proposta di legge, a mia prima firma, che interverrà per regolamentare la professione del Bagnino di Salvataggio". Lo ha dichiarato il deputato del MoVimento 5 Stelle, Giancluca Rospi, a margine della conferenza a cui hanno partecipato il Capitano Pietro Preziosi, del Corpo della Capitaneria di Porto e Guardia Costiera, e la Dott.ssa Liana Gramaccioni, del Ministero della Salute.

"Con l'arrivo dell'estate leggiamo spesso sulle cronache dei giornali di persone morte per annegamento. Spesso sono bambini o adolescenti che durante il gioco finiscono per perdere coscienza e annegare; come la tragedia di qualche giorno fa del bambino di 4 anni annegato nella piscina durante un matrimonio e l'adolescente di 16 anni morto sabato scorso nel Lago d'Iseo mentre recuperava la palla con cui giocava. Di sicuro un ruolo fondamentale nella prevenzione degli annegamenti è svolto dai servizi di sorveglianza; infatti laddove sono presenti bagnini di salvataggio professionali, che lavorano in forma organizzata, le persone vengono soccorse e salvate", prosegue Rospi.

"Proprio per questo motivo ho presentato una proposta di legge per regolamentare la professione del Bagnino di Salvataggio. Professione tutt'ora sprovvista di una normativa ad hoc. Garantiamo una gestione semplice ed efficace per il rilascio e il rinnovo dei brevetti di Bagnino di Salvataggio, interveniamo sul percorso formativo professionale e su tutti i requisiti e le autorizzazioni per lo svolgimento di corsi di formazione. Vogliamo che il ruolo di garanzia e controllo sugli enti di formazione e sul percorso formativo venga affidato al Comado Centrale del Corpo della Capitaneria di Porto e Guardia Costiera. L'obiettivo è quello di poter disporre, lungo le coste italiane, di tanti bagnini di salvataggio professionali e pronti a ogni evenienza per salvare vite umane", conclude Gianluca Rospi.
  • Mare
Altri contenuti a tema
Turismo, la Basilicata si mette in vetrina Turismo, la Basilicata si mette in vetrina Per quattro giorni un "educational tour" nei luoghi più belli per la vacanza
Fallimento per la società Marinagri Fallimento per la società Marinagri Decisione del Tribunale di Matera per debiti e insolvenza
Erosione costiera, altre tre barriere a Metaponto Erosione costiera, altre tre barriere a Metaponto Per l'azione di riduzione degli impatti. Si è tenuto un tavolo tecnico alla Regione
Matera2019, aumentano i turisti e anche gli operatori abusivi Matera2019, aumentano i turisti e anche gli operatori abusivi Controlli della Guardia di Finanza. Molti casi nella zona jonica
Mare grosso su spiagge joniche, salvate due bambine Mare grosso su spiagge joniche, salvate due bambine In pericolo anche un uomo che si era tuffato per raggiungerle
Il mare a Matera? Il mare a Matera? La soluzione è rendere Metaponto frazione della città dei Sassi
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.