Dislessia
Dislessia
Scuola e Lavoro

Scuola, un progetto per la dislessia

Nasce a Matera il primo programma in Italia che usa le nuove tecnologie per l'integrazione scolastica

Inclusione scolastica e integrazione degli alunni con Disturbi specifici dell'apprendimento (Dsa) tramite le nuove tecnologie. Questa la finalità del programma educativo, primo in Italia, che si svolgerà nel corso dell'anno scolastico 2014/2015, e che rappresenta il prosieguo del progetto "Una scuola modello" realizzato già lo scorso anno dalla locale sezione provinciale dell'Associazione italiana dislessia (Aid) e il Centro logopedico psicopedagogico Imparola in collaborazione con l'istituto comprensivo Giovanni Pascoli di Matera.

Il programma, illustrato questa mattina in conferenza stampa, è denominato "Prevenzione, potenziamento e didattica compensativa" e si pone l'obiettivo di realizzare una scuola modello per la dislessia, dove i docenti siano preparati ad affrontare una didattica per i ragazzi dislessici, dove sia possibile somministrare i test per riconoscere i ragazzi potenzialmente a rischio e vengano usati gli strumenti compensativi.

L'attività in programma punta ad integrare la didattica per i Disturbi specifici dell'apprendimento (Dsa) con quella quotidianamente utilizzata in una classe, permettendo a tutti gli alunni di seguire una lezione e di fare i compiti a casa utilizzando gli strumenti compensativi al fine di rendere la scuola di fatto inclusiva. Nati per agevolare lo studio dei ragazzi con Dislessia, i programmi compensativi tipo "Supermappe" e "ePico" sono un utile strumento di studio per tutti gli alunni. Software ideati per tutti i ragazzi, dalla scuola Media all'Università, i compensativi applicano la tecnologia allo studio: agevolano la creazione di mappe concettuali anche con la possibilità di introdurre fotografie, grafici e rimandi ai testi digitali, e tramite la sintesi vocale (una voce che legge i testi selezionati dall'utente) aiutano la memorizzazione della materia da studiare.

"La Dislessia è ancora un tabù in Italia – ha spiegato Brunella Perrone, presidente provinciale dell'Aid Matera - parlarne, come faremo con il convegno di domani (giovedì 16 ottobre, ndr) nell'aula magna della sede di via San Rocco a Matera dell'Università di Basilicata, significa contribuire a diffondere informazioni e prassi che possono aiutare i ragazzi con dislessia e le loro famiglie a vivere gli anni della scuola senza traumi e con profitto. Il convegno, che prende il nome dal progetto già realizzato per il 2013/2014, "Una scuola modello: dalla didattica per la dislessia alla didattica personalizzata", racconteremo il lavoro svolto con i docenti e gli 80 alunni delle classi campione dell'Istituto comprensivo Pascoli a Matera. Il lavoro è stato svolto attraverso griglie di osservazione e monitoraggio delle abilità di apprendimento, che hanno permesso di potenziare e monitorare le abilità deboli nei bambini ancora in età di acquisizione della lettoscrittura. La formatrice Aid Mariangela Bruno ha affiancato per tutto un anno scolastico i docenti della Pascoli. Un percorso che replicheremo, aggiungendo con nuovi stimoli e compentenze, con il nuovo progetto: "Una scuola modello: prevenzione, potenziamento e didattica compensativa".

"Il Centro logopedico psicopedagogico Imparola – ha spiegato Imma Bruno, vicepresidente e responsabile del laboratorio didattico tecnologico per la dislessia e la discalculia di Imparola - ha fornito, tramite la preziosa collaborazione di Anastasis che ci ha offerto con licenza di utilizzo gratuito i software da installare sui computer dei ragazzi, la propria competenza sull'uso e gestione di questi programmi. Nelle prime lezioni, lo scorso anno, abbiamo mostrato loro come impiegarli per studiare, a scuola e a casa, materie come italiano, storia, geografia, matematica e geometria. In tre mesi la loro capacità di utilizzo dei software è stata così alta che, su richiesta delle docenti della scuola, abbiamo deciso di ampliare questo metodo di studio anche alle lingue straniere. Con il nuovo progetto, partiremo dalle competenze acquisite e implementeremo lo studio delle lingue straniere".

"Il nostro istituto è il più popoloso della Basilicata, su 1.400 alunni ben 50 hanno una diagnosi di dislessia - afferma il Dirigente dell'Istituto comprensivo Pascoli, Michele Ventrelli - Se in un primo momento sono stati questi dati a spingermi ad accogliere il progetto dell'Aid di Matera e di Imparola, a un anno di distanza sono più che felice di constatare che tutti i docenti di questo istituto si sono dimostrati interessati e pronti a recepire gli stimoli che giungevano dall'Aid Matera e da Imparola. Segno di una grande attenzione non solo alle oggettive difficoltà dei ragazzi con dislessia, ma anche ad apprendere l'uso delle nuove tecnologie e a applicarle al proprio modo di insegnare. Con queste basi e con questi docenti, l'Istituto Giovanni Pascoli, per questo secondo anno, ha deciso di impegnare i fondi della scuola per proseguire il progetto. Un impegno economico che, sebbene difficile da sostenere, è stato approvato e sostenuto".
  • Dislessia
  • DSA
  • Istituto comprensivo Giovanni Pascoli
  • Associazione Italiana Dislessia
  • Imparola
Altri contenuti a tema
Erasmus+, all'Istituto Pascoli il progetto europeo "For" Erasmus+, all'Istituto Pascoli il progetto europeo "For" Alla ricerca delle radici. Il tema materano è il cibo della tradizione
Festa degli alberi al “Pascoli” Festa degli alberi al “Pascoli” In occasione della Giornata nazionale alcune piante verranno messe a dimora nella scuola
5 alunni di Matera ospiti del Presidente Mattarella al Quirinale 5 alunni di Matera ospiti del Presidente Mattarella al Quirinale Vincitori del Premio Nazionale "Le madri della Costituente"
L'IC Pascoli celebra la Giornata Nazionale della Sicurezza nelle Scuole L'IC Pascoli celebra la Giornata Nazionale della Sicurezza nelle Scuole Iniziativa del Miur per ricordare gli studenti vittime della mancanza di sicurezza negli Istituti scolastici
Campagna #pascolireloaded: donati oltre €7.000,00 alla Scuola "Pascoli" Campagna #pascolireloaded: donati oltre €7.000,00 alla Scuola "Pascoli" Alla conferenza, presentato alla città il capolavoro di Street Art di Dab
Il sindaco Raffaello De Ruggieri sul furto alla Scuola “Pascoli” Il sindaco Raffaello De Ruggieri sul furto alla Scuola “Pascoli” “Un atto che non riuscirà a danneggiare studenti, docenti e personale”
"Imparola" partecipa alle XIV Giornate di Psicologia Clinica dello Sviluppo di Bologna "Imparola" partecipa alle XIV Giornate di Psicologia Clinica dello Sviluppo di Bologna Presentato il progetto "Prevenzione e Potenziamento", che ha coinvolto alcune classi di scuola dell'infanzia e primaria "Giovanni Pascoli"
L'Istituto Comprensivo "Pascoli" a scuola di TG L'Istituto Comprensivo "Pascoli" a scuola di TG Il desiderio di presentare e far conoscere il territorio
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.