coopbox-mons. caiazzo
coopbox-mons. caiazzo
Territorio

Vicenda Coopbox, arcivescovo scrive alla nuova proprietà

Una lettera in cui monsignor Caiazzo manifesta la propria preoccupazione

Intervento dell'arcivescovo della diocesi di Matera ed Irsina Mons. Pino Caiazzo sulla vicenda della Coopbox. L'alto prelato ha deciso di scrivere una lettera ai vertici della Happy srl, azienda che ha acquisito la Coopbox decidendo di sospendere le attività di produzione nello stabilimento di Ferrandina. Di seguito la lettera integrale dell'Arcivescovo della diocesi materana al massimo dirigente dell'azienda cremonese:


Egregio Signor Dirigente Happy S.R.L.,
come pastore di questa Chiesa locale, a seguito della notizia inattesa che annunciava il fermo dell'attività produttiva dal 31 gennaio al 13 febbraio e la messa in ferie del personale della Coopbox di Ferrandina (MT), con la sola eccezione degli addetti agli uffici e alle spedizioni, sento l'urgenza di rivolgermi a Lei con animo preoccupato ma speranzoso. Il nostro territorio, già fortemente penalizzato per la chiusura di altri indotti lavorativi negli anni passati, proprio ora che si sta venendo fuori a fatica dalla pandemia, non può ricevere un'ulteriore ferita con il fermo dell'attività produttiva presso lo stabilimento di Ferrandina. Mi sembra inverosimile e preoccupante che la decisione sia giustificata con "l'impossibilità di rifornire lo stabilimento di Ferrandina di materia prima, dovuta al ritardo nelle consegne dei fornitori e all'inevitabile ritardo nei trasporti verso Ferrandina, oltre che alla carenza di operatori degli impianti e del trasporto dovuta alla situazione pandemica". L'avrei potuto capire durante il periodo del lockdown ma non nel momento in cui tutto è ripartito. L'imminente chiusura dello stabilimento lucano comporta il conseguente licenziamento di 40 lavoratori.

Mi permetta di sottolineare che la Coopbox di Ferrandina è stata ceduta al vostro Gruppo Happy con sede a Cremona e che dopo solo tre mesi sia stata presa una decisione così grave e deleteria per la dignità di 40 famiglie e di un territorio già fortemente mortificato. Mi chiedo: cosa viene prima il profitto o il bene comune? Le strategie industriali e di mercato o salvaguardare la dignità delle persone? Il nostro amato Sud non si aiuta decidendo di chiudere delle aziende nelle quali decine di persone hanno sempre lavorato con dedizione, impegno e abnegazione. Capisco che è difficile investire nelle nostre terre: probabilmente perché troppo lontane dal resto d'Europa. È una colpa?

Papa Francesco, dice giustamente: "…siete chiamati a cooperare per far crescere uno spirito imprenditoriale di sussidiarietà per affrontare insieme le sfide etiche e di mercato, prima fra tutte la sfida di creare buone opportunità di lavoro. A questo contribuiscono anche le iniziative di confronto e di studio, che realizzate sul territorio" (Discorso all'Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti, 31 ottobre 2015). Mi permetto di ribadire ancora una volta il valore sociale delle imprese, le quali hanno bisogno di essere tutelate, da istituzioni, ma anche da agenzie finanziarie e bancarie, tutti chiamati ad "agire con responsabilità" perché "l'economia e l'impresa hanno bisogno dell'etica per il loro corretto funzionamento; non di un'etica qualsiasi, bensì di un'etica che ponga al centro la persona e la comunità" (Papa Francesco, ivi). La Chiesa insegna che c'è una duplice funzione dell'impresa: da una parte produrre la ricchezza, dall'altra di distribuirla secondo principi di giustizia. Purtroppo non sempre è così. La migliore scuola italiana di economia aziendale afferma che la crescita della ricchezza non si ha difendendola, ma diffondendola in tutto il sistema economico e sociale per la costruzione del bene comune. Mi auguro che ogni vostra decisione sia rivista e ripensata affinché l'azienda di Ferrandina non venga chiusa ma rilanciata, se ritenete opportuno modernizzandola e riconvertendola, per continuare la produzione, salvaguardare il posto di lavoro e offrendo ulteriori opportunità.

La ringrazio sperando che il mio grido preoccupato e sofferto sia ascoltato, accolto e messo in atto. Sperando di poterLa incontrare personalmente, La saluto.
  • Vescovo Antonio Giuseppe Caiazzo
Altri contenuti a tema
Pasqua, il messaggio dell'arcivescovo Caiazzo Pasqua, il messaggio dell'arcivescovo Caiazzo Nell'omelia della veglia non sono mancati i riferimenti alla guerra
Incontro in preparazione del Congresso eucaristico nazionale Incontro in preparazione del Congresso eucaristico nazionale Per tre giorni a Matera 100 delegati delle Diocesi italiane
Celebrati i funerali dei tre ventenni morti a Pisticci Celebrati i funerali dei tre ventenni morti a Pisticci L'omelia dell'arcivescovo Caiazzo
Gli auguri di buon Natale dal vescovo di Matera-Irsina Gli auguri di buon Natale dal vescovo di Matera-Irsina Lettera alla Diocesi: “Per noi credenti il Natale è uno solo, quello di Gesù”
Consegna attestati di benemerenza sanitaria Consegna attestati di benemerenza sanitaria Iniziativa dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
Vaccini Covid, la Diocesi scende in campo Vaccini Covid, la Diocesi scende in campo Mette a disposizione strutture per contribuire alla campagna vaccinale
Irsina, furto sacrilego in chiesa Immacolata Irsina, furto sacrilego in chiesa Immacolata Ladri rubano ostensorio
Riapertura del santuario di Picciano Riapertura del santuario di Picciano Guariti gli ultimi due positivi
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.