Iannini espulso contro il Sud Tirol
Iannini espulso contro il Sud Tirol
Calcio

Iannini assolto dall'accusa di razzismo, rischiava 2 mesi di reclusione

L'avvocato del calciatore del Matera: "Smontata l'accusa, era solo una reazione al fallo subito"

Cadono le accuse penali di razzismo nei confronti del calciatore del Matera, Gaetano Iannini. Smontata la tesi accusatoria contro il centrocampista relativa alla gara di Tim Cup dello scorso 4 agosto scorso.

Una data storica per il Matera Calcio, quella della prima partecipazione alla Tim Cup, si è rivelata anche il motivo di una ribalta nazionale per via dell'espulsione di Iannini, al quale successivamente è stata inflitta una storica squalifica di 10 giornate. Ma, il peggio è arrivato successivamente. Il Pubblico Minister di Bolzano, Lorenzo Puccetti, ha chiesto per Iannini una pena di 2 mesi di reclusione per la violazione della legge Mancino, dell'articolo 594 del codice penale, aggravati dall'odio razziale. Richiamando invece l'attenzione sull'articolo 599, secondo comma del codice penale (che prevede l'attenuante se il fatto è commesso a seguito di una reazione a offese o per unfatto d'ira) l'avvocato Gianluca Bucciero, legale difensore del calciatore, è riuscito ad ottenerne l'assoluzione.

"Era importante poter smontare l'accusa di razzismo - ha spiegato l'avvocato difensore, Gianluca Bucciero - Quella era evidentemente una reazione al fallo subito, di non piccola entità. L'affermazione, infatti, era rivolta alla persona specifica e non alla sua appartenenza ad una razza. Quindi siamo riusciti ad ottenere la giusta conclusione di una vicenda che ha già visto penalizzato oltremodo il calciatore".
    © 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.