pino giordano ugl
pino giordano ugl
Politica

Ancora polemiche su nuova giunta

A criticare le scelte di De Ruggieri è Giordano dell’Ugl

Ad una settimana dall'insediamento della nuova giunta, non tendono a placarsi le polemiche di chi non ha condiviso la scelta del sindaco De Reggieri di varare un governo cittadino a forte trazione Pd.

A prendere la parola questa volta è l'Unione Generale del Lavoro. Parole dure quelle del segretario provinciale dell'Ugl, Pino Giordano, che attacca senza esclusione di colpi il primo cittadino De Ruggieri.
Giordano è convinto che questo nuovo governo della città non risponda ai bisogni di stabilità politica, necessari per il rilancio del territorio, lanciando invettive contro il sindaco.
"Registriamo un sindaco senza vergogna che, a fase alterne, ribalta la volontà popolare con una nuova giunta ad attrazione PD, di cui uno potentino. Il sindaco farebbe bene a dimettersi, nulla di personale ma i cittadini non hanno votato questa conformazione politica"- afferma senza mezzi termini Giordano.
Il numero uno provinciale dell'Ugl si dice preoccupato per il futuro della città, poiché fino a questo punto, tutte le giunte proposte da De Ruggieri, con i vari rimpasti, non hanno affrontato al meglio tutte le numerose problematiche che affliggono la città dei Sassi e non hanno portato i risultati sperati.
Giordano si dice convinto che "la politica ha rallentato il lavoro su temi come il rilancio della città in vista dell'importante appuntamento di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, di come sviluppare i collegamenti con il resto della regione, a cominciare dal Metapontino, Policoro e la Val Basento".
E poi, continua con rammarico "eravamo certi che Matera avesse davvero la possibilità di diventare una città in cammino, all'insegna della solidarietà, della trasparenza e della qualità. Per la città serviva essere uniti, rimboccarsi le maniche e fare in modo che le imprese riuscissero ad avere maggior respiro in un momento congiunturale tanto difficile".
Tutte aspettative disattese, ecco perché, secondo l'Ugl, non ci sono le condizioni per un percorso condiviso con l'amministrazione comunale.
"De Ruggieri non rappresenta più la città di Matera- dice Giordano- e chiediamo che si dimetta perché la coalizione che l'ha sostenuto è frantumata e inesistente. Di fronte a questa situazione non c'è da stare allegri".
Finanche lo spauracchio del Commissario Prefettizio non è ritenuto così scandaloso per Giordano, che anzi, lo ritiene sicuramente meno peggio di questa amministrazione.
    © 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.