Campus universitario, i sindacati sulle barricate
Campus universitario, i sindacati sulle barricate
Vita di città

Campus universitario, i lavoratori ex Gife in parte riassunti da subito

Le imprese confermano disponibilità ma resta il nodo stipendi

Si apre uno spiraglio di luce per i 10 lavoratori, licenziati dall'ex impresa esecutrice Gife dell'opera "Campus universitario". Tutte le imprese operanti nel cantiere dello stesso campus hanno confermato la disponibilità a riassumere immediatamente 4 lavoratori ex Gife. Ed inoltre – come si legge in una nota dell'impresa titolare d'appalto, Consorzio Valori Scarl – appena saranno definite le prossime attività lavorative, d'accordo con le tempistiche e la programmazione delle tipologie di lavoro, sarà assunto tutto il personale necessario dando priorità alla restante parte dei lavoratori ex Gife.

Invece riguardo i pagamenti degli stipendi non ancora effettuati nei confronti delle maestranze licenziate, il Consorzio lascia margini d'incertezza: "Bisognerà aspettare la liquidazione del Sal (Stato di avanzamento dei lavori) numero 14 per capire se nei limiti del credito che Gife avanza nei confronti del Consorzio, ci sono anche dei margini per pagare i lavoratori".

La puntata precedente aveva visto il solito film. Durante l'ennesimo incontro tra le parti – Regione, Consorzio Valori, Unibas, Confapi Matera, sindacati – datato 3 giugno 2015, ci sono state le consuete incertezze che hanno caratterizzato la vicenda con il risultato del nulla di fatto. Adesso, come detto, si intravede la luce in fondo al tunnel, con la disponibilità a riassumere personale da parte delle aziende operanti.

Parzialmente soddisfatto Mino Paolicelli del sindacato Feneal Uil: "Da oggi il presidio di protesta, vicino i cancelli del cantiere, non ci sarà più. E' un risultato parziale perché 4 saranno riassunti, ma i restanti 6 dovranno aspettare la tempistica e la programmazione delle tipologie di lavoro richieste". Ma il nodo ancora non sciolto restano i pagamenti degli stipendi: "E' vero – conclude amareggiato Paolicelli - aspetteremo il Sal 14, ma su questo versante sono preoccupato. Ai lavoratori licenziati non sono state ancora pagate 3 mensilità e dal punto di vista sociale ci infastidisce".
  • Sindacati
  • Campus univesitario
Altri contenuti a tema
Sciopero nazionale, presidio sindacale all'ospedale di Matera Sciopero nazionale, presidio sindacale all'ospedale di Matera Manifestazione indetta da Cgil e Uil
"La Regione Basilicata dimentica le fasce deboli e i Comuni" "La Regione Basilicata dimentica le fasce deboli e i Comuni" L'accusa di centronistra, Movimento 5 stelle, sindacati e associazioni
Mensa scolastica, i sindacati replicano al sindaco Mensa scolastica, i sindacati replicano al sindaco "Stiamo tutelando i diritti dei lavoratori nel cambio di gestione"
Protesta all'ospedale di Matera, un forte segnale Protesta all'ospedale di Matera, un forte segnale Presenti diversi sindaci della provincia di Matera
Ospedale: una catena umana per migliore sanità materana Ospedale: una catena umana per migliore sanità materana Iniziativa dei sindacati Cgil, Cisl e Uil
A Scanzano Jonico la manifestazione del Primo Maggio A Scanzano Jonico la manifestazione del Primo Maggio La festa del lavoro di Cgil, Cisl e Uil Basilicata
Campus universitario, assessore Merra risponde a Perrino Campus universitario, assessore Merra risponde a Perrino "Risolto il contratto con la ditta per inadempienze"
Lavori al campus, Perrino (M5S) replica a Merra Lavori al campus, Perrino (M5S) replica a Merra Prosegue il botta e risposta con l'assessore alle infrastrutture
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.