Consigliere Regionale Paolo Castelluccio
Consigliere Regionale Paolo Castelluccio
Politica

Castelluccio: a Matera e provincia è emergenza edilizia popolare

Si prevedono tempi ancora più bui per chi vive il “disagio abitativo”

La crisi dell'edilizia popolare grava sui più deboli. C'è bisogno di politiche della casa più concrete per riuscire a dare risposte alla popolazione.
Invece, sembra che le strade intraprese dai precedenti governi di centrosinistra e dall'attuale esecutivo giallo-verde, non tengano conto del "disagio abitativo", che a Matera e Provincia si presenta come una vera emergenza. Queste sono in pratica, le riflessioni del consigliere regionale ex- Forza Italia, adesso di "Noi con L'Italia", Paolo Castellucci.
"Se solo in provincia di Matera ci sono 5.277 famiglie considerate da un Rapporto Nomisma per conto dell'Ater di Matera 'a disagio abitativo' (con mutuo o canone di fitto superiore al 30 per cento del reddito familiare) come sarà possibile dare risposte se si tagliano sensibilmente gli stanziamenti per l'edilizia popolare e residenziale?".
Domanda legittima quella posta dal consigliere regionale di Noi con L'Italia, che traccia il quadro poco edificante della situazione delle abitazioni popolari a Matera e Provincia.
"Le famiglie in graduatoria utile in attesa di un alloggio di edilizia residenziale pubblica sono 887, mentre gli alloggi assegnati sono 3.996 e con 176 alloggi potenzialmente utilizzabili (60 per nuclei in decadenza, 81 alloggi sfitti, 35 occupati abusivamente) per le famiglie in graduatoria e un turnover annuo pari a circa 15 nuclei familiari: sarebbero necessari 36 anni ad assorbire tutte le famiglie"- spiega Castellucci, che critica sia l'operato del vecchio governo di centrosinistra che quello di lega e M5s.
"Il primo Piano di edilizia del Governo M5Stelle-Lega non promette niente di buono, con il risultato che le politiche abitative pubbliche si sono praticamente azzerate con l'esaurirsi delle risorse programmate- sottolinea il consigliere di Noi con L'Italia -. Anzi, se sono confermate le cifre circolanti in questi giorni, con più soldi alle regioni del Nord e tagli per quelle meridionali, tra cui la Basilicata, si fanno notevoli passi indietro, aggravando la situazione per mancanza sia di una strategia nazionale sul tema casa e sia degli strumenti operativi efficienti per realizzarla".
Secondo Castellucci non mancano poi le responsabilità dell'esecutivo della regione Basilicata, rea di aver investito troppo poco rispetto al reale fabbisogno di case a Matera e Provincia.
A detta del consigliere regionale d'opposizione l'Ater di Matera, (Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale) ha prospettato al governo regionale un piano di reinvestimento dei proventi.
Il progetto prevede la ricollocazione dei 5,7 milioni di euro disponibili (2,9 milioni per nuove costruzioni e 2,8 milioni per manutenzioni), con la costruzione di 12 alloggi di edilizia sovvenzionata a Matera e l'integrazione di finanziamenti già in essere per la costruzione di 6 alloggi a Calciano, 6 a Grottole, 12 a Scanzano e 6 a Miglionico.
"Se non si immettono risorse finanziarie più consistenti da destinare prioritariamente alla ristrutturazione delle case popolari con l'attuale ritmo ci vorrà un secolo per garantire tutti gli interventi"- conclude il consigliere regionale.
    © 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.