Nucleare, aree idonee della Basilicata
Nucleare, aree idonee della Basilicata
Territorio

Deposito nucleare: "anche al nuovo governo diremo no"

La Regione Basilicata ribadisce la contrarietà dei lucani

"La Regione Basilicata ribadirà al nuovo governo le osservazioni già rese in precedenza sulla carta dei siti idonei per il deposito dei rifiuti radioattivi. La nostra Regione ha già dato tanto al Paese negli ultimi decenni, sia con le attività estrattive che con gli impianti di energia rinnovabile e le dighe". Lo ha dichiarato l'assessore all'ambiente della Regione Basilicata, Cosimo Latronico, sul tema della localizzazione del deposito nazionale nucleare con annesso parco scientifico e tecnologico. "Il nostro territorio va rispettato - ha aggiunto - i lucani tutti meritano rispetto. Lo ribadiremo in tutte le sedi, in tutti i documenti e in ogni occasione".

Nella carta delle aree potenzialmente idonee (Cnapi), poi sostituita dalla Cnai, la Basilicata presentava 17 siti, quattro dei quali condivisi con il territorio della Puglia. Entro i termini della consultazione pubblica, la Regione ha presentato un documento di osservazioni tecniche e scientifiche (Dots) a cui hanno contribuito le Province, i Comuni interessati, l'Anci in rappresentanza di tutti i Comuni della Regione, la comunità scientifica regionale (Università della Basilicata, Cnr, Cgiam, Arpab), i corpi sociali e professionali e le associazioni di settore. Nei documenti ufficiali presentati alla Sogin i criteri di esclusione indicati, a vario titolo a seconda delle aree, riguardano sismicità elevata; fenomeni di fagliazione; rischio e pericolosità geomorfologica e idraulica di qualsiasi grado e le fasce fluviali; livelli piezometrici affioranti o che, comunque, possano interferire con le strutture di fondazione del deposito; parametri chimici del terreno e delle acque di falda; presenza di produzioni agricole di particolare qualità e tipicità, luoghi di interesse archeologico e storico; presenza di infrastrutture critiche rilevanti o strategiche.
  • Deposito nucleare
Altri contenuti a tema
No al nucleare, azione dimostrativa a Matera No al nucleare, azione dimostrativa a Matera Per ribadire la netta contrarietà al deposito nazionale in Basilicata e Puglia
Nucleare: 20 anni fa la grande protesta di Scanzano Jonico e della Basilicata Nucleare: 20 anni fa la grande protesta di Scanzano Jonico e della Basilicata Contro il cimitero nazionale di scorie
Uccisa da incendio l'asina Nicoletta, simbolo di battaglie lucane Uccisa da incendio l'asina Nicoletta, simbolo di battaglie lucane Lanciata una raccolta fondi per ricostruire la stalla
Deposito nucleare, la Basilicata resta contraria Deposito nucleare, la Basilicata resta contraria La Regione conferma il suo "no", sulla base delle osservazioni già presentate
Nucleare: si attende la decisione finale sul deposito nazionale Nucleare: si attende la decisione finale sul deposito nazionale A Scanzano Jonico un incontro tra Comuni: 19 anni dopo la protesta del 2003
Deposito scorie, Matera ribadisce il proprio “NO” Deposito scorie, Matera ribadisce il proprio “NO” Il sindaco Bennardi ribadisce la contrarietà alle ipotesi della Sogin
Deposito nucleare, la Regione ribadisce il dissenso Deposito nucleare, la Regione ribadisce il dissenso Assessore Acito: "Massima attenzione sulla carta delle aree idonee"
Deposito nucleare, nessuna risposta alle osservazioni Deposito nucleare, nessuna risposta alle osservazioni La delusione dell'associazione "ScanZiamo le scorie": la guardia resta alta
© 2001-2023 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.