Computer e pistola sotto sequestro
Computer e pistola sotto sequestro
Cronaca

Donne vittime di "revenge porn", arrestato un uomo

Delicata indagine a cura della Squadra mobile di Matera

Un 37enne della provincia di Potenza e domiciliato a Matera, Michele De Fino, è stato arrestato dalla Polizia con le accuse di atti persecutori, revenge porn (diffusione illecita di immagini sessualmente esplicite) e violenza privata. E' il primo arresto di questo tipo a Matera per una fattispecie di reato da poco inserita nel codice penale, vale a dire la diffusione di immagini per "vendicarsi" della fine di una relazione sentimentale o con lo scopo di estorcere denaro o ottenere altri obiettivi (in inglese "sextortion" ovvero sex extortion).

I dettagli dell'attività sono stati illustrati presso la Questura di Matera dal procuratore capo della Repubblica di Matera Pietro Argentino, dal vicario del Questore Maria Letizia La Selva, dal capo della Squadra Mobile Fulvio Manco e dal sostituto procuratore Annafranca Ventricelli.

All'uomo, già in carcere a Matera per un arresto in flagranza di reato con l'accusa di detenzione di un pistola rubata in provincia di Bari, è stato notificato dagli agenti della Squadra mobile l'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Matera.

La misura scaturisce dalla denuncia di una donna. Al termine di una relazione durata due anni, la vittima era bersagliata da ripetute molestie e minacce, costretta a uscire poco e mai da sola, a guardarsi sempre le spalle, a parcheggiare l'automobile in zone lontane dalla propria abitazione, sino a giungere alla decisione di cambiare città. L'arrestato era arrivato a pubblicare su Facebook dei video in cui la donna veniva ripresa in atteggiamenti intimi, inviandoli con Messenger pure al padre e al fratello minore della donna e con WhatsApp ad altri conoscenti. Da questa denuncia è scaturita l'indagine che ha portato alla perquisizione e al ritrovamento della pistola illegalmente detenuta.

Nel prosieguo degli accertamenti è spuntato su una chat un elenco di 17 donne, indicate con iniziali e età e tutte di un Comune del Materano, con cui l'uomo avrebbe avuto dei rapporti sessuali (circostanza comunque da verificare). L'uomo, per ragioni in fase di accertamento, invitava i mariti a contattarlo per avere dei riscontri su queste relazioni extraconiugali. Sono stati sequestrati due telefoni cellulari, tre computer e una chiavetta usb per approfondire ulteriormente le indagini.
  • Arresto
  • Polizia di Stato
Altri contenuti a tema
Rapina una giovane donna puntando coltello alla gola, arrestato Rapina una giovane donna puntando coltello alla gola, arrestato Scoperto dalla Polizia il responsabile. Accusato pure di due furti
Aumentano i controlli della Polizia sulle strade Aumentano i controlli della Polizia sulle strade Nel mirino la guida in stato di ebrezza o di alterazione da sostanze stupefacenti
Ruba furgone e provoca incidente, arrestato un 34enne Ruba furgone e provoca incidente, arrestato un 34enne Probabilmente l'uomo era ubriaco. E' stato rintracciato ad Altamura
Un San Valentino d'amore e non di violenza Un San Valentino d'amore e non di violenza In piazza torna il camper della Polizia
Assalto ai tir di sigarette a Foggia, lasciato nel Materano il mezzo rubato Assalto ai tir di sigarette a Foggia, lasciato nel Materano il mezzo rubato Trovato da una pattuglia della Polizia stradale
Maltratta l'anziano convivente, denunciata donna rumena Maltratta l'anziano convivente, denunciata donna rumena L'indagine è stata curata dalla Polizia
Truffa ad un'anziana, un arresto a Napoli Truffa ad un'anziana, un arresto a Napoli Raggirata una 84enne. Il responsabile rintracciato a Scampia
Dopo la sospensione della maestra, parla la dirigente scolastica Dopo la sospensione della maestra, parla la dirigente scolastica Fa discutere il caso dei maltrattamenti in scuola dell'infanzia
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.