Intercettazione video dell'indagine della Polizia
Intercettazione video dell'indagine della Polizia
Cronaca

Dopo la sospensione della maestra, parla la dirigente scolastica

Fa discutere il caso dei maltrattamenti in scuola dell'infanzia

Il Dirigente Scolastico dell'Istituto Comprensivo "Bramante" di Matera, Prof.ssa Carmela Di Perna, all'indomani dell'operazione della Squadra Mobile della Questura di Matera che ha portato alla sospensione per 6 mesi di una insegnante della scuola dell'Infanzia di via Greco, interviene sulla vicenda per puntualizzare alcune aspetti e ringraziare chi ha operato per il bene della collettività.

"Voglio subito precisare – rimarca la Dirigente - che il procedimento di interdizione dall'insegnamento ha riguardato una sola docente e smentire in maniera categorica che ci siano procedimenti e indagini su altri docenti dell'Istituto. Non è stato facile agire, come io ho fatto, con conseguenze che apparentemente, e forse ai più, possono essere considerate contro la scuola che dirigo. In realtà è motivo di orgoglio aver dimostrato che, quando la salute psico-fisica dei minori a me affidati è in pericolo, si è agito in loro difesa senza considerare l'impatto che tale notizia potesse avere sulle iscrizioni che fanno sopravvivere una scuola. I bambini prima di tutto e di tutti, sempre!!

Sottolineo – aggiunge – che il mio operato si è svolto di concerto con i genitori che ringrazio per aver avuto fiducia nell'Istituzione e per aver compreso che l'operato del singolo non può danneggiare il duro e ottimo lavoro di un'intera comunità scolastica, un gruppo di lavoro eccezionale fatto di docenti, personale ATA e Dirigente che aiuta i meritevoli e i bisognosi ma isola e persegue chi commette azioni indegne di un lavoro con un così alto valore sociale.

Voglio rispondere anche a chi mi ha accusata sui social di non aver agito prima: rispondo che ho rispettato la procedura corretta così come ha sottolineato il Procuratore, che ringrazio anche per le parole di apprezzamento, e ricordo che queste vicende impattano sulla vita delle persone per cui bisogna agire con cautela, raccogliere dati e prove certe per non incorrere magari in accuse di diffamazione da parte di persone innocenti.

E' molto facile scrivere dietro una tastiera senza sapere cosa sia stato fatto, cosa si sia potuto fare e cosa no; invece ho dimostrato di saper agire, se mi posso permettere, con coraggio insieme a genitori che mi hanno sostenuta concretamente e che ringrazio ancora una volta. Ho agito al momento opportuno e sottolineo tanto opportuno da non interessarmi delle conseguenze sulle iscrizioni, ripeto: I bambini assolutamente prima di tutto! A coloro che devono iscrivere i loro figli mi sento di dire che possono scegliere la nostra scuola con serenità perché avranno la certezza che saranno tutelati al di là di ogni interesse.

Ringrazio – conclude la Prof.ssa Di Perna - la Questura di Matera ed in particolar modo la Squadra Mobile e gli agenti di polizia con cui ho collaborato, ma soprattutto tutti i Materani che stanno sostenendo la nostra scuola, un Istituto in cui operano 100 docenti e che è già penalizzato da ormai 8 anni per la mancata ricostruzione del suo plesso principale e che, proprio in questi momenti, merita di essere tutelato piuttosto che essere screditato".
  • Maltrattamenti
  • Scuola
  • Polizia di Stato
Altri contenuti a tema
Un fermo per attentato esplosivo all'auto del consigliere regionale Cifarelli Un fermo per attentato esplosivo all'auto del consigliere regionale Cifarelli Uomo di 51 anni arrestato dalla Polizia. Si cercano i complici
Matera, controlli sugli spostamenti e indagini sulle fake news Matera, controlli sugli spostamenti e indagini sulle fake news Le attività delle forze dell'ordine per l'osservanza del decreto sul coronavirus
Protestano i detenuti del carcere di Matera Protestano i detenuti del carcere di Matera Uno sale sul tetto. A causa del divieto per i colloqui
Feste non autorizzate, intervento della Questura Feste non autorizzate, intervento della Questura Due locali pubblici sono stati diffidati
Coronavirus, scuole e università ferme in tutta Italia fino al 15 marzo Coronavirus, scuole e università ferme in tutta Italia fino al 15 marzo La decisione del Governo. Sospese le attività didattiche
Rapina una giovane donna puntando coltello alla gola, arrestato Rapina una giovane donna puntando coltello alla gola, arrestato Scoperto dalla Polizia il responsabile. Accusato pure di due furti
Aumentano i controlli della Polizia sulle strade Aumentano i controlli della Polizia sulle strade Nel mirino la guida in stato di ebrezza o di alterazione da sostanze stupefacenti
Un San Valentino d'amore e non di violenza Un San Valentino d'amore e non di violenza In piazza torna il camper della Polizia
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.