Natuzzi, operai al lavoro
Natuzzi, operai al lavoro
Territorio

Istat: diminuisce disoccupazione in Basilicata

Ma Benedetto e Romaniello frenano: “Troppa enfasi sui dati Istat”.

Disoccupazione in calo in Basilicata. Lo attestano i dati pubblicati due giorni fa dall'Istat riguardo l'occupazione in Italia, compresa la regione lucana.

Nel raffronto tra il primo trimestre 2014 e il primo trimestre 2015 il numero degli occupati in Basilicata è aumentato di 7.000 unità, passando da 175 mila a 182 mila. In termini percentuali, si tratta di un incremento tra i più alti in Italia: 4%, a fronte di uno 0,8% della media mezzogiorno e di uno 0,6% della media Nord. Le persone in cerca di occupazione sono passate da 35 a 32 mila, con un dato percentuale tra i più lusinghieri sul piano nazionale. Il tasso di disoccupazione è calato quasi di 2 punti, passando dal 16,8% del 2014 al 14,9% del primo trimestre 2015, a fronte di una media nazionale molto più bassa.

Dunque, un rapporto con il quale si intravedono dei segnali positivi per il futuro della Basilicata. Ma non la pensano, di certo, così due consiglieri regionali, l'imprenditore Nicola Benedetto e l'ex sindacalista Giannino Romaniello. "Troppa enfasi sui dati diffusi dall'Istat - affermano i due consiglieri di fazioni politiche diverse - quello che viene fuori è prima di tutto, come elemento fondamentale, che il dato non è destagionalizzato, unito al fatto che si parla d'incremento riferito ai rapporti di lavoro, il che significa il consolidamento di una tendenza di trasformazione dei rapporti co.co.co, co.co.pro, partite iva camuffate in rapporti di lavoro prevalentemente a tempo determinato".

E proprio sulla mancata indicazione dei diversi rapporti di lavoro - nell'indagine da parte dell'istituto nazionale statistico - che verte la critica di Romaniello e Benedetto: "Non si precisa di quali contratti di assunzione si tratta, vale a dire se sono a tempo determinato, part-time, o tempo indeterminato e attraverso quale strumento sono stati attivati, con il ricorso all'interinale, apprendistato, tirocinio, o al Job Act che il Governo Renzi considera la soluzione miracolistica di ogni problema occupazionale".

Altro fattore su cui i due esponenti politici hanno dubbi sono i riferimenti di base con i quali l'Istat prova a tracciare il quadro occupazionale italiano: "La domanda di lavoro stabile e qualificato in Basilicata è decisamente più consistente e non si può ridurre ai 32mila iscritti ai Centri per l'Impiego in cerca di prima occupazione per la diffusa sfiducia dei giovani e dei disoccupati in generale nei confronti delle strutture pubbliche di collocamento e quindi ad iscriversi. Senza sottovalutare inoltre la crescente platea di lavoratori under 35anni espulsi dalle fabbriche e che non hanno possibilità di tornare al lavoro".

Di qui, "la sollecitazione a Governo e Regione è per misure molto più efficaci dell' 'aspirina' somministrata da Renzi rispetto allo stato febbricitante della malattia-disoccupazione. Se un imprenditore ed un ex dirigente sindacale, al di là delle differenti collocazioni politiche in consiglio, su questo la pensano allo stesso modo avrà pure un significato sul quale chiamare tutti i consiglieri e la giunta a riflettere senza lasciarsi 'abbagliare' dai dati con il segno più diffusi, solo statisticamente, dall'Istat con il linguaggio freddo della matematica che non arriva al cuore della gente".
  • Regione Basilicata
  • Lavoro
  • Istat
Altri contenuti a tema
Elezioni regionali: in Basilicata si vota il 21 e il 22 aprile Elezioni regionali: in Basilicata si vota il 21 e il 22 aprile Decreto del presidente Bardi. Non c'è accorpamento con le Europee
Esuberi in CallMat: riunito il tavolo tra azienda e sindacati Esuberi in CallMat: riunito il tavolo tra azienda e sindacati Le organizzazioni dei lavoratori sono preoccupate
Concorsi scuola: pochissimi posti in Basilicata Concorsi scuola: pochissimi posti in Basilicata I dati della Uil che parla di "una vera elemosina". Sono 182 su oltre 30mila
Immigrazione: blitz contro il lavoro irregolare in salottifici Immigrazione: blitz contro il lavoro irregolare in salottifici Varie denunce da parte della Polizia. Sospese due ditte
Un progetto di pubblica utilità per i precari dei tirocini di inclusione sociale Un progetto di pubblica utilità per i precari dei tirocini di inclusione sociale Approvato dalla giunta regionale per 484 persone
Nel 2023 l'economia lucana ha rallentato Nel 2023 l'economia lucana ha rallentato Il rapporto di Banca d'Italia con l'analisi congiunturale
Controlli dell'Ispettorato del lavoro a Matera Controlli dell'Ispettorato del lavoro a Matera In particolare nei settori del mobile imbottito e dei prodotti da forno
Annunci di lavoro per 80 assunzioni Annunci di lavoro per 80 assunzioni Pubblicati sul sito dell'agenzia del lavoro Arlab
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.