consiglio regionale basilicata
consiglio regionale basilicata
Politica

Regione: proposta di Fratelli d'Italia per l'ostetrica di famiglia

Ma salta approvazione per mancanza numero legale. Commento di Guerricchio

Nel corso del consiglio regionale è saltato il numero legale al momento di approvazione della mozione sull'istituzione dell'ostetrica di famiglia e di comunità. Una circostanza che ha colpito la segretaria materana di Fratelli d'Italia Annamaria Guerricchio, che ha voluto lasciare un commento e una riflessione sull'episodio. Ecco di seguito il testo integrale della nota della segretaria cittadina del partito di Giorgio Meloni.

L'istituzione della figura dell'ostetrica di famiglia proposta in Consiglio Regionale dai consiglieri di Fratelli d'Italia si perde in un nulla di fatto. In Basilicata, la regione dove si registra da anni un calo costante e inarrestabile delle nascite e che per il 2020 segna il record negativo del 10,3 per mille di nascite in meno rispetto all'anno precedente, guadagnando così il triste podio dedicato alle tre regioni dove si nasce meno in assoluto, le donne vengono inesorabilmente lasciate sole e proprio nel momento in cui la natalità andrebbe incentivata con politiche attive di sostegno alle future mamme.

Poteva essere l'occasione per mandare un messaggio di conforto alle lucane, soprattutto a coloro che potrebbero avere timore di avvicinarsi alla scelta di mettere al mondo un figlio, dando loro la sicurezza di un'assistenza costante anche nel momento delicato del puerperio, e invece sfuma come un miraggio la possibilità di avere una figura professionale che le accompagni, le assista e le sostenga durante il percorso meraviglioso e difficile dalla gravidanza al parto all'allattamento. Le donne sono lasciate ancora sole e soprattutto nel periodo storico più triste, quello della pandemia, perché condizionato dall'isolamento e dalla conseguente perdita dell'indispensabile partecipazione parentale al periodo perinatale.

Un popolo che non si prende cura delle donne come ricettacolo sacro di vita è destinato ad avere culle sempre più desolatamente vuote e man mano a correre verso l'estinzione! La strategia politica di alcuni ha prevalso sui diritti delle donne, della mamme, dei bambini, delle famiglie. Abbiamo dovuto cedere il passo di fronte alla mancanza del numero legale, ma ad uscirne sconfitta non è stata Fratelli d'Italia, bensì il futuro dell'intera nostra regione.
  • Consiglio regionale
  • Fratelli d'Italia
Altri contenuti a tema
Commissione speciale Parco Murgia, tutti d’accordo Commissione speciale Parco Murgia, tutti d’accordo Commenti positivi delle varie forze politiche sull’istituzione dell’organo di tutela della Murgia
Matera, la città dei Sassi…senza Sassi Matera, la città dei Sassi…senza Sassi Nota di Fratelli d'Italia Matera in merito all’approvazione del DUP dell’Amministrazione Comunale Bennardi.
Buoni spesa, plauso di FdI Buoni spesa, plauso di FdI Soddisfazione espressa da Fratelli d’Italia per la pubblicazione del bando
Referendum, FdI raccoglie firme Referendum, FdI raccoglie firme Anche a Matera Fratelli D’Italia propone di firmare per alcune leggi di iniziativa popolare
Quarto: urge riaprire il Cup in piazza Matteotti Quarto: urge riaprire il Cup in piazza Matteotti La richiesta del consigliere regionale di Fratelli d'Italia dopo i nuovi danni
Mancata erogazione buoni spesa, protesta di FdI Mancata erogazione buoni spesa, protesta di FdI Sit-in a sostegno delle famiglie in difficoltà
Fratelli d’Italia critica progetto di nuova scuola Torraca Fratelli d’Italia critica progetto di nuova scuola Torraca Toto e Morelli: “Segno di inconsistenza dell’amministrazione Bennardi”
Regione Basilicata: M5s all’attacco, “Maggioranza allo sbando” Regione Basilicata: M5s all’attacco, “Maggioranza allo sbando” I consiglieri Perrino e Carlucci denunciano: “I problemi dei lucani passano in secondo piano”
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.