consiglio regionale basilicata
consiglio regionale basilicata
Politica

Regione: proposta di Fratelli d'Italia per l'ostetrica di famiglia

Ma salta approvazione per mancanza numero legale. Commento di Guerricchio

Nel corso del consiglio regionale è saltato il numero legale al momento di approvazione della mozione sull'istituzione dell'ostetrica di famiglia e di comunità. Una circostanza che ha colpito la segretaria materana di Fratelli d'Italia Annamaria Guerricchio, che ha voluto lasciare un commento e una riflessione sull'episodio. Ecco di seguito il testo integrale della nota della segretaria cittadina del partito di Giorgio Meloni.

L'istituzione della figura dell'ostetrica di famiglia proposta in Consiglio Regionale dai consiglieri di Fratelli d'Italia si perde in un nulla di fatto. In Basilicata, la regione dove si registra da anni un calo costante e inarrestabile delle nascite e che per il 2020 segna il record negativo del 10,3 per mille di nascite in meno rispetto all'anno precedente, guadagnando così il triste podio dedicato alle tre regioni dove si nasce meno in assoluto, le donne vengono inesorabilmente lasciate sole e proprio nel momento in cui la natalità andrebbe incentivata con politiche attive di sostegno alle future mamme.

Poteva essere l'occasione per mandare un messaggio di conforto alle lucane, soprattutto a coloro che potrebbero avere timore di avvicinarsi alla scelta di mettere al mondo un figlio, dando loro la sicurezza di un'assistenza costante anche nel momento delicato del puerperio, e invece sfuma come un miraggio la possibilità di avere una figura professionale che le accompagni, le assista e le sostenga durante il percorso meraviglioso e difficile dalla gravidanza al parto all'allattamento. Le donne sono lasciate ancora sole e soprattutto nel periodo storico più triste, quello della pandemia, perché condizionato dall'isolamento e dalla conseguente perdita dell'indispensabile partecipazione parentale al periodo perinatale.

Un popolo che non si prende cura delle donne come ricettacolo sacro di vita è destinato ad avere culle sempre più desolatamente vuote e man mano a correre verso l'estinzione! La strategia politica di alcuni ha prevalso sui diritti delle donne, della mamme, dei bambini, delle famiglie. Abbiamo dovuto cedere il passo di fronte alla mancanza del numero legale, ma ad uscirne sconfitta non è stata Fratelli d'Italia, bensì il futuro dell'intera nostra regione.
  • Consiglio regionale
  • Fratelli d'Italia
Altri contenuti a tema
Respinta la mozione di sfiducia al presidente Bardi Respinta la mozione di sfiducia al presidente Bardi Con 10 contrari e 9 favorevoli. Governo centrodestra va avanti
Mozione di sfiducia al presidente Vito Bardi Mozione di sfiducia al presidente Vito Bardi Oggi la discussione nella seduta del Consiglio regionale
Consiglio regionale, Cupparo esce di scena Consiglio regionale, Cupparo esce di scena Ha confermato le dimissioni. Piro, invece, le ha ritirate
Movimento 5 stelle e Fratelli d'Italia vincono elezioni in Basilicata Movimento 5 stelle e Fratelli d'Italia vincono elezioni in Basilicata La situazione nei collegi uninominali e con il proporzionale (plurinominale)
Pd Basilicata: “Bardi di nuovo spalle al muro” Pd Basilicata: “Bardi di nuovo spalle al muro” Per i Dem lucani la maggioranza di centrodestra “tira a campare”
Fratelli d'Italia: "traditi dal presidente Bardi" Fratelli d'Italia: "traditi dal presidente Bardi" I commenti dopo la formazione della nuova giunta regionale
Regione Basilicata, la maggioranza ancora in crisi Regione Basilicata, la maggioranza ancora in crisi Rinviata la seduta del Consiglio. Il centrosinistra denuncia stallo amministrativo
Giunta regionale, nonostante annunci nessuno si è dimesso Giunta regionale, nonostante annunci nessuno si è dimesso In Consiglio il materano Vizziello passa alla Lega
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.