statua Addolorata- chiesa S. Giuseppe - Pisticci scalo
statua Addolorata- chiesa S. Giuseppe - Pisticci scalo
Religioni

Statua Addolorata, esami confermano: non si tratta di lacrime

La diocesi comunica l’esito dei risultati delle analisi

L'arcidiocesi di Matera ed Irsina chiude la vicenda sulla statua della Addolorata presente nella chiesa di San Giuseppe Lavoratore a Pisticci Scalo. Non c'è stata alcuna lacrimazione.

Di seguito il comunicato della Curia materana.

Dagli esami di laboratorio la conferma definitiva: non si tratta di lacrime
L'Arcidiocesi di Matera–Irsina ha seguito con attenzione, scrupolosità e prudenza la vicenda della presunta lacrimazione della Statua dell'Addolorata di Pisticci Scalo. Pur avendo elementi sufficienti, dopo le osservazioni del Vicario Episcopale, Mons. Filippo Lombardi, di Padre Pietro Anastasi e del Dott. Erasmo Bitetti, per concludere che non si trattasse di lacrimazione ma di un fenomeno di rifrazione della luce sulla superficie del volto della Madonna, ricoperto da materiali traslucidi intesi a generare tale suggestione, si è ritenuto di affidare un'ulteriore indagine al Dott. Salvatore Mastrogiulio, medico patologo Dirigente medico dell'U.O. di Patologia Clinica dell'Ospedale di Tinchi-Pisticci.

Dopo il sopralluogo effettuato il 6 aprile 2021 a partire dalle ore 17:00, iniziato con l'osservazione attenta dei particolari dell'effige e proseguito con il prelievo di campioni multipli dal volto della statua, il Dott. Mastrogiulio ha sottoposto gli stessi ad indagine con microscopia ottica pervenendo a queste conclusioni: - Non si evidenzia materiale organico né presenza di cellule - L'Arcidiocesi, alla luce di quest'ulteriore indagine, ritiene definitivamente conclusa la vicenda. Pur comprendendo lo stato d'animo di quanti affermano di aver assistito ad una lacrimazione, si ribadisce che questa Curia da subito si è attivata, con senso di responsabilità, raccogliendo, scrupolosamente e scientificamente, elementi tali da escludere che tale fenomeno sia mai avvenuto. L'evidenza dei fatti ci è di aiuto ad uscire dall'errore.

La Risurrezione di nostro Signore Gesù Cristo, che la Chiesa in questi giorni celebra e che da sempre annuncia come unica speranza di salvezza per tutta l'umanità, fondamento essenziale della nostra fede, ci è di aiuto a guardare fiduciosi e con speranza sotto lo sguardo materno della Vergine Madre, Maria.
  • Arcidiocesi Matera-Irsina
Altri contenuti a tema
Arcidiocesi, giuramento dei nuovi parroci Arcidiocesi, giuramento dei nuovi parroci La cerimonia in occasione della festa della Natività di Maria
A Picciano un olivo bianco per la Giornata del creato A Picciano un olivo bianco per la Giornata del creato “L’albero della Madonna” sarà piantato presso il santuario
"Papa Francesco a Matera il 25 settembre 2022" "Papa Francesco a Matera il 25 settembre 2022" Annuncio dell'Arcidiocesi dopo un'udienza con mons. Caiazzo
Diocesi di Matera, tre nuovi sacerdoti Diocesi di Matera, tre nuovi sacerdoti Verranno ordinati da mons. Caiazzo in Cattedrale
Lacrimazione statua Addolorata, Diocesi: "Nessuno gridi al miracolo" Lacrimazione statua Addolorata, Diocesi: "Nessuno gridi al miracolo" Dopo ulteriori accertamenti, l’arcidiocesi smentisce categoricamente la notizia
La diocesi presenta il nuovo portale La diocesi presenta il nuovo portale Interattività e ricchezza di contenuti per guardare al futuro
Statua dell'Addolorata lacrima? L'arcidiocesi per ora non trova conferme Statua dell'Addolorata lacrima? L'arcidiocesi per ora non trova conferme Questo l'esito degli accertamenti effettuati a Pisticci scalo
Vaccini Covid, la Diocesi scende in campo Vaccini Covid, la Diocesi scende in campo Mette a disposizione strutture per contribuire alla campagna vaccinale
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.