tensostruttura via sanniti
tensostruttura via sanniti
Vita di città

Tensostruttura, Braia “Operazione compiuta, ora tocca al Comune”

Ora ci sono le risorse per Braia (Iv) “Recuperare immediatamente il ritardo e avviare i lavori”

"Siamo alla vigilia di una nuova stagione sportiva e ritengo che sia arrivato il momento per l'Amministrazione comunale, a un anno dal suo insediamento, di aprire seriamente il dibattito pubblico sul futuro dello sport in città, a partire dalla riqualificazione degli impianti cittadini vetusti e abbandonati o quelli nei parchi urbani anche in periferia, fino all'affidamento e alla gestione di quelli esistenti e di prossima disponibilità (dal campo del Paip a campo La Martella), coinvolgendo le associazioni sportive interessate e quelle di quartiere."

Lo dichiara il Consigliere Regionale Luca Braia, capogruppo Italia Viva.

"Occorre ora preparare subito - prosegue il Consigliere Braia - una scheda progetto a valere sui fondi PNRR per completare la grande incompiuta dello sport cittadino, rappresentata dal Parco di Serra Rifusa, come ha già fatto la città di Potenza. Un progetto fondamentale per quell'area abbandonata da 15 anni, decisivo per ri-animare un pezzo importante della nostra città, che oggi conta oltre 5000 famiglie residenti, e che coinvolge interamente i quartieri di Serra Rifusa e le lottizzazioni Arco, Aquarium, Giada.

Abbiamo pochi mesi per salvare 3,6 milioni di euro dei fondi Pisus 2000-2006 - spesi solo a metà e da rendicontare mentre la restante parte è ancora da spendere. A prescindere da questo, su cui Sindaco Bennardi e Assessore Sarli dovranno dare riscontro in merito alle azioni intraprese, bisogna preparare il futuro e realizzare la "cittadella dello sport". Se ne parla ovunque, proprio in quest'area collocata a nord della città potrebbe avere la sua naturale realizzazione.

Ci auspichiamo che ciò accada al più presto. Intanto abbiamo promosso una serie di incontri e abbiamo lavorato per risolvere la prima emergenza, come richiesto dal presidente della società Opificio 4.0 CMB Calcio a 5, Rocco Auletta, non sarebbe stato concepibile portare la squadra a giocare fuori città per inadeguatezza della tensostruttura di Via dei Sanniti.

Con la disponibilità del Dipartimento Attività Produttive Regionale, nella Giunta di venerdì scorso l'Assessore Cupparo ha portato in approvazione la delibera che rimodula e destina 200.000 euro dei fondi ITI ancora non spesi, per l'adeguamento della tensostruttura alle prescrizioni della Federazione Nazionale Calcio a 5 e, quindi, consentire un uso più consono all'hockey su pista. Entrambe le squadre disputeranno, infatti, il campionato nazionale di Serie A1.

Rispetto alla data concordata del 3 agosto scorso, la scheda di rimodulazione dal comune di Matera è stata definita con 20 giorni di ritardo. Ora non ci sono scuse, sarà fondamentale recuperare il tempo perso, fare tutto con grande celerità ed efficienza, a partire dalla revisione degli impianti di condizionamento per finire alla installazione del doppio telo utile a evitare la condensa in presenza di pubblico, perché tutto non si riveli vano.

A valle delle risorse economiche, ora disponibili, va concordato un crono-programma lavori tra Amministrazione comunale, società sportive interessate e le rispettive federazioni nazionali per scongiurare l'ipotesi di veder limitare le proprie attività o addirittura veder emigrare le uniche società sportive che disputano campionati nazionali nella città dei Sassi.

Lo Sport è economia, aggregazione, socialità, promozione e quindi non può vivere nella continua emergenza, precarietà, improvvisazione. Nella Capitale della Cultura è doveroso che viva di progettazione, programmazione e organizzazione. Un cambio di passo, da parte dell'Amministrazione, è auspicabile se non imprescindibile."
  • Luca Braia
Altri contenuti a tema
Bando nazionale sport e periferie, Matera e Potenza bocciate Bando nazionale sport e periferie, Matera e Potenza bocciate Braia (Italia Viva): “Così non va”
"Cultura: tanto patrimonio è chiuso" "Cultura: tanto patrimonio è chiuso" Braia, Italia Viva: Non passiamo da ”Open Future” a “Closed Present”
Residenza Villa Anna a Matera, ritardi della Regione Residenza Villa Anna a Matera, ritardi della Regione Braia (Iv): pagano i cittadini più fragili e meno abbienti
Calcio a 5 e hockey, incontro alla Regione Calcio a 5 e hockey, incontro alla Regione Braia (Iv): “Affrontare emergenza e costruire il futuro”
Braia: si lavora per tratta ferroviaria Ferrandina-Matera verso Adriatico Braia: si lavora per tratta ferroviaria Ferrandina-Matera verso Adriatico Incontro sistema imprese e sindacato, unanime il sostegno e la condivisione.
Tensostruttura in via dei Sanniti, incontro alla Regione Tensostruttura in via dei Sanniti, incontro alla Regione Sulla riqualificazione dell'impianto
Braia: collegamento ferroviario verso la dorsale adriatica Braia: collegamento ferroviario verso la dorsale adriatica Matera e la sua provincia non piegheranno la testa
Braia: da Matera parta l’approccio corretto per la Basilicata inclusiva Braia: da Matera parta l’approccio corretto per la Basilicata inclusiva Per il consigliere di Italia Viva bisogna rimettere le periferie sociali al centro
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.