Campus Matera dell'Università della Basilicata
Campus Matera dell'Università della Basilicata
Associazioni

"Università della Basilicata in forte affanno"

Le considerazioni dell'associazione politico-culturale MedinLucania

Nota dell'associazione politico-culturale MedinLucania sullo stato dell'Università degli studi della Basilicata

"In Basilicata ci sono molti problemi ma anche tante potenzialità. La realtà che sicuramente primeggia su tutto è l'Università. Purtroppo, però, pur se ha fatto tanto, l'Ateneo lucano è in forte difficoltà e ha perso la metà degli iscritti: negli anni scorsi era arrivata ad avere 12 mila immatricolati, ora ne ha solo 6 mila. Esaminando questi numeri non possiamo che esprimere preoccupazione e rammarico".

Così Medinlucania, in una nota che analizza la situazione della più importante istituzione culturale lucana.

"L'Unibas - afferma l'associazione - resta in un limbo di difficoltà, incertezze e mancato sviluppo, non riesce ad esprimere il potenziale che ha e non riesce ad integrarsi con il territorio e con i lucani, così com'era stata pensata 40 anni fa dai suoi fondatori. In un contesto piccolo come quello lucano, doveva diventare l'antidoto all'emigrazione dei giovani, la fucina per le nuove classi dirigenti locali, il laboratorio delle intelligenze e della ricerca, il fulcro delle scelte strategiche della regione, il volano del sistema politico, economico e culturale. Tutti temi - sottolinea Medinlucania - che intendiamo discutere e mettere all'attenzione dei cittadini comuni, al fine di aprire il dibattito e avvicinare le istituzioni alle criticità del territorio.

Con 457 componenti tra docenti e ricercatori e 244 del personale non docente, oltre ai circa mille studenti che mediamente si laureano ogni anno, l'Ateneo di Potenza e di Matera avrebbe dovuto assolvere al suo compito incrementando, anno per anno, la sua presenza e la sua influenza, invece è in crisi e perde appeal. Infatti, stando agli ultimi dati, è al penultimo posto in Italia come numero di immatricolazioni, e ha un tasso bassissimo di laureati che trovano lavoro nei primi 12 mesi. La valutazione degli Atenei - spiega l'associazione socio-culturale - avviene attraverso vari macro indicatori: i servizi, la quantità e qualità dell'offerta didattica, le borse di studio ed i contributi, le strutture, la comunicazione e i servizi sociali, l'internazionalizzazione e l'occupabilità. L'Unibas si segnala in negativo in tutti gli indicatori, quindi non riesce ad avere l'attrattività che gli studenti cercano. Non attrae i giovani lucani, che preferiscono andare a studiare altrove e non attrae gli studenti di altre regioni.

Andando nello specifico, i problemi principali che andrebbero affrontati riguardano i corsi di studio che avrebbero bisogno di essere più appetibili per quelle che sono le professioni del futuro, la mancanza di sinergie con il mondo del lavoro, la poca integrazione e collaborazione con il tessuto sociale, produttivo e culturale della regione, di Potenza e di Matera (due realtà che potevano diventare città universitarie), oltre a una serie di servizi mancanti che vanno dai trasporti agli alloggi (entrambi i capoluoghi non hanno ancora gli studentati). Senza questi interventi, anche i nuovi corsi di laurea di Medicina a Potenza e di Architettura a Matera rischiano di non produrre gli effetti sperati.
Alla luce di tutto questo - rimarca Medilucania - per affrontare la crisi e modificare il trend negativo in corso, sarebbe urgente che il tema Università venisse messo, da tutti, al primo posto tra le priorità della Basilicata.

Secondo noi - sottolinea l'associazione - è il nodo cruciale della regione ed è una questione che coinvolge tutti i lucani, la politica, le istituzioni, gli imprenditori, le forze sociali e l'Unibas stessa. La partita da giocare è a 360 gradi e potrebbe incidere su tutte le grandi questioni lucane: dallo spopolamento all'economia, dal degrado sociale alla formazione di nuove classi dirigenti. Per vincere la sfida, servirebbe promuovere iniziative insieme ai cittadini, all'associazionismo, alle categorie, agli operatori culturali e spingere la Regione ad aprire un tavolo di concertazione aperto a tutti i soggetti pubblici e privati. A partire dai grandi gruppi e dagli enti che operano nei settori trainanti dell'economia lucana: Eni e Total per il petrolio; Stellantis per l'industria; Ferrero, Orogel e Barilla per il settore agroalimentare; Acquedotto lucano per l'acqua; e così via. Quindi - conclude Medinlucania - occorre un grande progetto dal basso che sia fortemente interdisciplinare e che porti a un vero e straordinario piano di rilancio dell'Università e di conseguenza ad una serie di ricadute in tutti i settori strategici della Basilicata".
  • Università degli studi della Basilicata
Altri contenuti a tema
Bennardi: è giusta la protesta degli studenti universitari Bennardi: è giusta la protesta degli studenti universitari Per il caro-affitti. A Matera manca ancora lo studentato
Riorganizzazione dell'Università della Basilicata Riorganizzazione dell'Università della Basilicata Il commento di Follia (Volt)
Ex polo universitario sarà demolito e ricostruito Ex polo universitario sarà demolito e ricostruito Individuato come sede della Polizia locale
Giovane ricercatore lucano premiato dalla Nasa Giovane ricercatore lucano premiato dalla Nasa Le considerazioni di Cifarelli su UniBas
"Rilanciare il polo universitario di Matera" "Rilanciare il polo universitario di Matera" Le riflessioni e proposte del circolo culturale La scaletta
Università a Matera, garantiti tutti i corsi Università a Matera, garantiti tutti i corsi E il Comune chiede di rafforza l'offerta formativa
Università: parte appalto per casa dello studente di Matera Università: parte appalto per casa dello studente di Matera Una storia che si trascina da lungo tempo. Investimento di 13,7 milioni
Università: Mattarella inaugura anno accademico Università: Mattarella inaugura anno accademico Per il 40esimo anniversario della fondazione
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.