Vincenzo Acito
Vincenzo Acito
Enti locali

Acito perde l'assessorato e il posto in Consiglio

Soltanto due settimane in carica nella giunta regionale

Il Consiglio regionale della Basilicata ha respinto la mozione di sfiducia al presidente Vito Bardi, con dieci voti contrari e otto favorevoli. La decisione dell'assise è arrivata ieri sera, al termine di un'intensa giornata politica in cui il presidente lucano ha annunciato la nuova giunta, con il rientro di Fratelli d'Italia.

La mozione è stata respinta con i voti contrari di Lega, FdI e parte di Forza Italia; a favore i proponenti la mozione, Pd e Movimento 5 stelle, oltre a Italia viva e Prospettive lucane. La mozione era stata presentata per "la mancata sussistenza delle condizioni per il prosieguo della legislatura, determinatasi a seguito dell'azzeramento della Giunta e della conseguente ricomposizione, originata dalla crisi politica tra le forze di maggioranza" con "inevitabile paralisi amministrativa".

Formata la nuova giunta: Alessandro Galella, Fratelli d'Italia, Attività produttive, Formazione, Lavoro e Sport; Cosimo Latronico, unico rappresentante della provincia di Matera e unico esterno, di Fratelli d'Italia, con deleghe ad ambiente ed energia; Francesco Cupparo, Forza Italia, Agricoltura; Donatella Merra, Lega, Infrastrutture; Francesco Fanelli, Lega, vicepresidente e assessore alla Sanità e politiche sociali. Sono cessati dopo due settimane gli incarichi assessorili di Vincenzo Baldassarre, Gerardo Bellettieri e Vincenzo Acito. Baldassarre torna a ricoprire la carica di consigliere regionale, in base alla legge elettorale lucana che prevede la sospensione del ruolo, anziché la decadenza, in caso di nomina assessorile. Anche Bellettieri rientra in aula, come consigliere supplente di Cupparo, nominato nuovamente assessore.

In tutto questo a farne le spese è il materano Vincenzo Acito. Come secondo dei non eletti in Forza Italia, è entrato in Consiglio regionale nel 2019 quando Francesco Cupparo e Rocco Luigi Leone sono stati nominati assessori, lasciando i posti in Consiglio al potentino Bellettieri e ad Acito. Poi c'è stata la crisi e il 13 marzo la giunta bis con la nomina assessorile di Acito.

Fratelli d'Italia ha costretto Bardi a rifare la giunta. Nella nuova formazione Forza Italia ha un solo assessorato (Cupparo) e quindi entra in Consiglio solo un consigliere supplente (Bellettieri). Di conseguenza Acito resta fuori.

Quanto accaduto ha provocato la protesta del capogruppo di FI Francesco Piro. "La ri-nomina di Cupparo dopo le sue molteplici dimissioni - afferma Piro - non era sul tavolo del coordinamento regionale di Forza Italia così come non era negli accordi partitici perdere il consigliere Enzo Acito". Piro si è detto "fiero e orgoglioso di aver conosciuto Enzo Acito, il migliore consigliere dell'XI legislatura".
  • Giunta regionale
  • Enzo Acito
  • Vito Bardi
Altri contenuti a tema
Via Appia candidata Unesco, i commenti dopo la firma Via Appia candidata Unesco, i commenti dopo la firma Soddisfazione di Bardi e del Comune di Matera
Respinta la mozione di sfiducia al presidente Bardi Respinta la mozione di sfiducia al presidente Bardi Con 10 contrari e 9 favorevoli. Governo centrodestra va avanti
Matera2019: la Fondazione andrà avanti per 10 anni Matera2019: la Fondazione andrà avanti per 10 anni Sintonia tra Comune e Regione. Bennardi pronto a lasciare presidenza
Mozione di sfiducia al presidente Vito Bardi Mozione di sfiducia al presidente Vito Bardi Oggi la discussione nella seduta del Consiglio regionale
Consiglio regionale, Cupparo esce di scena Consiglio regionale, Cupparo esce di scena Ha confermato le dimissioni. Piro, invece, le ha ritirate
La Uil rinnova l’appello a Bardi La Uil rinnova l’appello a Bardi “Fare presto e bene”: il discorso del segretario Tortorelli
Bardi senza maggioranza in Consiglio regionale Bardi senza maggioranza in Consiglio regionale Non sostituiti i consiglieri che si sono dimessi dopo l'inchiesta sulla sanità
Si è dimesso l'assessore Cupparo (Forza Italia) Si è dimesso l'assessore Cupparo (Forza Italia) Dopo il coinvolgimento nell'inchiesta sulla sanità. Piro passa ai domiciliari
© 2001-2023 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.