Natuzzi, operai al lavoro
Natuzzi, operai al lavoro
Scuola e Lavoro

Aumentano i contratti di lavoro a tempo indeterminato

Diffusi i dati Inps dell'Osservatorio del Precariato

Nei primi otto mesi del 2015 aumenta, rispetto al 2014, il numero di nuovi rapporti di lavoro a tempo indeterminato nel settore privato (+299.375). Crescono anche i contratti a termine (+29.377), mentre si riducono le assunzioni in apprendistato (-11.744). In aumento anche le cessazioni (+46.537). Questi i dati dell'Inps diffusi dall'Osservatorio del Precariato riferiti al periodo gennaio-agosto 2015.

La variazione netta tra i nuovi rapporti di lavoro e le cessazioni, pari rispettivamente a 3.598.708 e 2.997.850, è di 600.858; nello stesso periodo dell'anno precedente è invece stata di 330.387.

Le nuove assunzioni a tempo indeterminato nel settore privato stipulate in Italia, rilevate da Inps, sono state 1.164.866, il 34,6% in più rispetto all'analogo periodo del 2014. Le trasformazioni a tempo indeterminato di rapporti di lavoro a termine, comprese le "trasformazioni" degli apprendisti, sono state 276.658 (l'incremento rispetto al 2014 è del 17,4%). Pertanto, la quota di assunzioni con rapporti stabili sul totale dei rapporti di lavoro attivati/variati è passata dal 32,3% dei primi otto mesi del 2014 all'38,1% dello stesso periodo del 2015.

Guardando al numero di nuovi rapporti di lavoro a tempo indeterminato attivati per età si nota un incremento al di sopra della media nelle fasce d'età fino a 24 anni (+45,6% di contratti di lavoro stabili attivati rispetto allo stesso periodo del 2014) e fra i 25 e i 29 anni (+44%).

I più importanti settori di attività economica che hanno registrato una maggiore crescita di assunzioni a tempo indeterminato risultano essere l'attività estrattiva; attività manifatturiere; fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata; fornitura di acqua; reti fognarie, attività di trattamento dei rifiuti e risanamento (+45,1% rispetto allo stesso periodo del 2014), il commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli; trasporto e magazzinaggio; servizi di alloggio e di ristorazione (+41,8%).

La distribuzione dei nuovi rapporti di lavoro per qualifica presenta, nel periodo 2015 in esame rispetto al 2014, un aumento della quota di operai, che passano dai 2.363.223 del 2014 a 2.585.421 nel 2015, come pure della quota di impiegati, da 741.051 nel 2014 a 845.632 nel 2015.

In aumento anche il lavoro full time rispetto al part time: i nuovi rapporti di lavoro a tempo pieno sono passati dai 2.037.229 dei primi otto mesi del 2014 a 2.272.113 nel 2015.

Rispetto al 2014, il peso dei nuovi rapporti di lavoro con retribuzioni mensili inferiori a 1.000 euro diminuisce di quasi un punto percentuale, passando dal 6,4% al 5,5%; una diminuzione si riscontra anche nella fascia retributiva immediatamente superiore (1.001-1.250 euro), la cui incidenza passa dall'8,8% del 2014 all'8,0% del 2015.

I dati completi sono consultabili sulla home page del sito istituzionale dell'Inps (www.inps.it) nella sezione Banche Dati/Osservatori Statistici, report dal titolo "Osservatorio sul precariato", dove il giorno 10 di ogni mese vengono pubblicati gli aggiornamenti tabellari dei nuovi rapporti di lavoro e delle retribuzioni medie.
  • Lavoro
  • INPS
  • Osservatorio precariato
Altri contenuti a tema
Coronavirus: ispezioni dei carabinieri in aziende e cantieri Coronavirus: ispezioni dei carabinieri in aziende e cantieri In alcuni casi riscontrate delle mancanze sulla sicurezza
Prefettura e Provincia a confronto con parti sociali Prefettura e Provincia a confronto con parti sociali Per la sicurezza sul lavoro con i protocolli anti-Covid19
1 La Basilicata 'scalpita' per ripartire e lavorare La Basilicata 'scalpita' per ripartire e lavorare Il presidente Bardi oggi in videoconferenza con le categorie produttive
Cassa integrazione in deroga, arrivate 900 domande Cassa integrazione in deroga, arrivate 900 domande Dalla provincia di Matera sono 300
Agricoltura, firmato accordo per sicurezza dei lavoratori Agricoltura, firmato accordo per sicurezza dei lavoratori Associazioni di categoria e sindacati concordano le misure precauzionali
Le parole del vescovo di Matera ai giovani che lasciano la propria terra Le parole del vescovo di Matera ai giovani che lasciano la propria terra "Siate protagonisti del cambiamento", scrive Caiazzo nel messaggio per il Sinodo
Con le tecnologie emergenti cento posti di lavoro a Matera Con le tecnologie emergenti cento posti di lavoro a Matera Questa la previsione del programma firmato al Ministero dello sviluppo economico
Maxi truffa all'Inps, denunciate 501 persone nel Materano Maxi truffa all'Inps, denunciate 501 persone nel Materano Indagine della Procura e dei Carabinieri per "falsi braccianti"
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.