Natuzzi, operai al lavoro
Natuzzi, operai al lavoro
Scuola e Lavoro

Dati Istat sul lavoro, Vaccaro (Uil) è prudente

Il sindacalista: “Occorrono investimenti pubblici e privati nell’innovazione”

"Prima di lasciarsi andare a commenti ottimistici, gli ultimi dati diffusi dall'Istat che registrano nel secondo trimestre 2015 un aumento degli occupati anche in Basilicata, in sintonia con il trend nazionale, vanno letti ed interpretati con attenzione e cautela". E' la considerazione del segretario regionale della Uil lucana, Carmine Vaccaro.

L'analisi del sindacalista verte su determinati parametri e raffronti: "Più che le 7mila unità di nuovi occupati nel raffronto con il secondo trimestre 2014, tenendo conto che in un anno le forze di lavoro comunque sono cresciute da 215mila (secondo trimestre 2014) a 223mila (secondo trimestre 2015), sono gli indicatori sui tassi di attività, occupazione e disoccupazione quelli più significativi ed attendibili. Il tasso di occupazione segna un ancora insoddisfacente più 2,4%, il tasso di disoccupazione appena un meno 0,2% e quello di attività un più 2,7%".

Tra l'altro, Vaccaro concentra la sua attenzione su chi è alla ricerca di un lavoro e sulla carenza di occupati nel settore dell'industria: "Attenzione inoltre all'incremento, in un anno, di 1000 persone in cerca di occupazione (31mila) per la grande maggioranza giovani. E' ancora la quota troppo bassa di occupati nell'industria (49mila su 192mila) che continua a preoccuparci, con le troppe vertenze aziendali ancora in piedi e che vanno affrontate a partire dalle prossime settimane per scongiurare il rischio di infittire l'esercito dei cassaintegrati e in mobilità".

Le proposte della Uil, per il sindacalista, sono ancora più attuali. "Occorre – conclude il segretario regionale Uil - una forte discontinuità nelle politiche regionali concentrando e finalizzando gli investimenti pubblici e privati nell'innovazione, nella produzione e nel lavoro. Questa è 'la sfida': riforme regionali incisive e coerenti, valorizzazione dei territori, impiego efficace dei fondi contestualmente ad un più partecipato ed efficace coinvolgimento del partenariato sociale".
  • Regione Basilicata
  • Lavoro
  • Istat
  • Uil
Altri contenuti a tema
Nubifragio del 12 novembre, Regione chiede lo stato di emergenza Nubifragio del 12 novembre, Regione chiede lo stato di emergenza Per l'agricoltura si stanno raccogliendo i dati sui danni
Reddito di cittadinanza, troppi "no" per il contratto di lavoro Reddito di cittadinanza, troppi "no" per il contratto di lavoro In Basilicata finora firmati 2600 patti mentre altri 1300 beneficiari rinunciano
E' ufficiale: il Capodanno Rai non si farà a Matera, scelta Potenza E' ufficiale: il Capodanno Rai non si farà a Matera, scelta Potenza Il Comune e gli albergatori avevano rinnovato la candidatura della città dei Sassi
Regione Basilicata, contributi per strumenti informatici ai disabili Regione Basilicata, contributi per strumenti informatici ai disabili La giunta regionale stanzia fondi per l’acquisto di materiali tecnologici per l’integrazione sociale e lavorativa
A Matera si riuniscono i Difensori civici delle Regioni italiane A Matera si riuniscono i Difensori civici delle Regioni italiane Domani incontro presso la Provincia
Il Gruppo Coscia Assicurazioni seleziona personale Il Gruppo Coscia Assicurazioni seleziona personale Gli interessati potranno presentare il curriculum entro il 31 ottobre
Beni culturali: si presenta il 27esimo rapporto annuale dell’Istat Beni culturali: si presenta il 27esimo rapporto annuale dell’Istat Matera scelta dall'Istituto per i dati sul patrimonio del “Bel Paese”
Lavoro e ambiente al centro del meeting nazionale "Fai bella l'Italia" Lavoro e ambiente al centro del meeting nazionale "Fai bella l'Italia" Un premio a don Luigi Ciotti e Federica Gasbarro ("Fridays for future")
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.