Polizia
Polizia
Cronaca

Inveisce contro il conducente dell’autobus che gli chiedeva di controllare il biglietto e si oppone anche ai poliziotti e viene arrestato

Immigrato nigeriano dovrà rispondere di violenza, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale

Dovrà rispondere di violenza e resistenza a pubblico ufficiale l'immigrato arrestato a bordo di un autobus della linea urbana di trasporto pubblico.
L'episodio è avvenuto in via XX Settembre, all'altezza della villa comunale, alle 21,40 circa quando due operatori della Volante sono saliti sull'autobus su richiesta del conducente.

A bordo vi hanno trovato l'uomo, OSEHI Kingsley, nigeriano di 44 anni, che inveiva contro il conducente alla presenza di altri viaggiatori.
Dalle informazioni raccolte, lo straniero, aveva esibito troppo velocemente un biglietto al conducente e alle ripetute richieste di quest'ultimo per verificarne effettivamente l'autenticità si era rifiutato di esibirlo nuovamente.
I poliziotti hanno cercato di riportare l'uomo alla calma e gli hanno chiesto di esibire il proprio documento di identità, ricevendo il rifiuto da parte dell'uomo che ha continuato nel suo atteggiamento esagitato.

Gli operatori lo hanno allora invitato a scendere dall'autobus per seguirli negli uffici della Questura, ma questi si è opposto con veemenza e minacce.
E' stato comunque introdotto nell'autovettura di servizio e accompagnato in Questura.

Durante l'intervento, uno dei due poliziotti ha riportato un trauma escoriativo e contusivo al polso e alla mano con prognosi di giorni 10.
Già conosciuto dalle Forze dell'Ordine, l'uomo è stato quindi tratto in arresto per violenza, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale e tradotto nella locale Casa Circondariale su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica Dott. Salvatore Colella.
    © 2001-2018 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
    MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.