polizia controlli
polizia controlli
Cronaca

Operazione antidroga della Polizia nelle province di Matera e Bari

Eseguite 22 misure cautelari

Dalle prime ore di questa mattina la Polizia di Stato di Matera sta eseguendo, su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Potenza, 22 misure di custodia cautelare emesse dal gip distrettuale del Tribunale di Potenza, nei confronti di persone che sono accusate di far parte di un'associazione a delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, con le aggravanti del numero dei partecipanti e dalla disponibilità di armi.

L'operazione antidroga ha interessato i territori delle province di Matera, Bari e Taranto.

Sedici persone in carcere, cinque agli arresti domiciliari e un divieto di dimora in Basilicata: sono gli esiti dell'operazione antidroga della Polizia di Stato, in un'inchiesta coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Potenza, che ha portato oggi all'esecuzione di 22 misure cautelari. L'associazione a delinquere aveva base a Montescaglioso, in provincia di Matera, mentre altri appartenenti indagati sono stati arrestati nelle province di Bari e Taranto. L'accusa è di associazione a delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, con le aggravanti del numero dei partecipanti e dall'aver commesso i fatti in presenza di minori. Nel corso dello stesso contesto operativo sono stati disposti ed eseguiti provvedimenti di perquisizione domiciliare e personale. Stando alle indagini, il gruppo spacciava cocaina, eroina, marijuana e hashish, con continui approvvigionamenti da fornitori pugliesi e albanesi e cessioni di droga a scopo di lucro in favore di clienti, assuntori e tossicodipendenti anche di altri Comuni della provincia di Matera. Le investigazioni sono state svolte con intercettazioni telefoniche e telematiche, pedinamenti, tradizionali e a distanza, con tracciamenti gps, e durante le attività d'indagine sono stati effettuati anche nove arresti in flagranza di reato. Un dato di particolare significato è la collaborazione fra lucani, pugliesi ed albanesi; questi ultimi, sulla base degli indizi raccolti, risultavano in grado di consegnare consistenti quantitativi di sostanze stupefacenti anche a credito. Inoltre è stata accertata la presenza, ritenuta fattiva e determinante dagli inquirenti, di alcune donne che si occupavano di rifornirsi della droga o di spacciarla, talvolta anche in presenza di minorenni.
  • Polizia locale
Altri contenuti a tema
Ex polo universitario sarà demolito e ricostruito Ex polo universitario sarà demolito e ricostruito Individuato come sede della Polizia locale
Ambulanti multati, generi alimentari donati alle mense Ambulanti multati, generi alimentari donati alle mense Controlli della Polizia locale e della Questura
Codice della strada: arriva il telelaser, i trasgressori sono avvertiti Codice della strada: arriva il telelaser, i trasgressori sono avvertiti Il Comune si è dotato dell'apparecchiatura che rileva le infrazioni
Il Comune lancia il progetto "Estate sicura" Il Comune lancia il progetto "Estate sicura" Controlli e prevenzione da parte della Polizia Locale di Matera
Abbandono dei rifiuti, attivate nuove fototrappole Abbandono dei rifiuti, attivate nuove fototrappole I dati sui controlli e sulle multe comminate
Chiuso un locale pubblico privo di licenza Chiuso un locale pubblico privo di licenza Operazione della Polizia Locale che ha anche sequestrato apparecchi da gioco
Nei Sassi istituito il presidio di Polizia Locale Nei Sassi istituito il presidio di Polizia Locale Il sindaco Bennardi: “Oltre controllo, presto nuovi servizi”
Aggredito agente di Polizia locale, denunciato il responsabile Aggredito agente di Polizia locale, denunciato il responsabile Durante una lite davanti a un bar
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.