Raccolta rifiuti
Raccolta rifiuti
Vita di città

Raccolta rifiuti, in attesa del passaggio di gestione

Aggiornamento: serve ulteriore proroga sino all'8 dicembre

AGGIORNAMENTO del 15 novembre
"La Conferenza dei Sindaci del sub ambito rifiuti Matera 1, che si è riunita ieri sera a Matera, ha rilevato che permangono le condizioni ostative al regolare avvio del servizio, fissato su richiesta del CNS per il giorno 16 novembre 2019, per ragioni imputabili unicamente alla stessa società e che, pertanto, l'avvio del servizio dovrà subire inevitabilmente un ulteriore differimento". Lo rende noto un comunicato.

Per questo motivo i sindaci di Matera, Bernalda, Ferrandina, Irsina e Tricarico, si sono riservati di valutare la sussistenza dei presupposti per l'avvio del procedimento di risoluzione del contratto e nel contempo, hanno emesso un'ordinanza che obbliga gli attuali gestori a garantire la prosecuzione del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani sui rispettivi territori cittadini fino all'8 dicembre 2019. Il provvedimento si è reso necessario per evitare l'insorgere di rischi per la salute dei cittadini e pregiudizi per l'igiene pubblica.

NOTIZIA del 14 novembre
La scadenza si avvicina e sul nuovo affidamento del servizio rifiuti non si sa ancora nulla. Dopo la proroga di 15 giorni firmata dal sindaco De Ruggieri lo scorso 31 ottobre, con cui assegnava alla società Cns di Bologna, e per esso alla sua impresa associata "Progetto Ambiente", la prosecuzione del servizio di raccolta dei rifiuti nel territorio cittadino per il periodo dal 1 novembre al 15 novembre, si attendevano notizie.

L'azienda per poter operare nel pieno rispetto degli impegni contrattuali dovrebbe presentare alle autorità dell'ambito Matera 1, tutta la necessaria documentazione che certifica l'avvenuta autorizzazione per il conferimento dei rifiuti nelle discariche. Documentazione mancante fino al 31 ottobre e causa dell'avvenuta proroga del servizio fino a venerdì prossimo. Ma cosa accadrebbe se l'azienda non dovesse essere in regola?

Un timore espresso da più parti e che getterebbe nel caos il servizio, vista la prevista risoluzione contrattuale per inadempienza con l'azienda titolare dell'appalto.
Insomma, non è il caso di creare allarmismi, anche se i dubbi rimangono e di certezze, al momento, ce ne sono poche.

Non resta che attendere la scadenza di domani.
  • Rifiuti
  • Raccolta rifiuti
  • Gestione rifiuti
Altri contenuti a tema
Rifiuti, nuovo servizio partirà il 9 dicembre Rifiuti, nuovo servizio partirà il 9 dicembre Risolti i problemi con la ditta aggiudicataria
Nuovi cestini portarifiuti nel centro di Matera Nuovi cestini portarifiuti nel centro di Matera Installati 34 contenitori più resistenti e sicuri
Rifiuti: non ci sarà emergenza, ordinata la proroga del servizio Rifiuti: non ci sarà emergenza, ordinata la proroga del servizio I Comuni di Matera e dell'ambito provinciale danno 15 giorni di tempo al nuovo gestore
Matera e provincia, altra grana per i rifiuti: nuovo servizio non parte Matera e provincia, altra grana per i rifiuti: nuovo servizio non parte Vertice in Prefettura. I Comuni pronti alla rescissione contrattuale con Cns
La raccolta differenziata porta a porta partirà il 31 ottobre La raccolta differenziata porta a porta partirà il 31 ottobre Matera ed altri Comuni hanno firmato il contratto con la ditta Cns di Bologna
Porta a porta per i rifiuti, cambiano gli orari nei Sassi e nel centro storico Porta a porta per i rifiuti, cambiano gli orari nei Sassi e nel centro storico Per le riprese del film "No time to die"
Rifiuti Matera, Acito (FI) chiede commissariamento Rifiuti Matera, Acito (FI) chiede commissariamento Per il servizio di raccolta differenziata in città e provincia
Appalto raccolta rifiuti: a breve la firma Appalto raccolta rifiuti: a breve la firma Disco verde dei sindaci dell’Ambito per il contratto dopo l’esito negativo dei ricorsi
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.