Edilizia
Edilizia
Enti locali

Cassa integrazione in deroga, arrivate 900 domande

Dalla provincia di Matera sono 300

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Ad oggi sono 904 le domande di aziende lucane per la cassa integrazione guadagni in deroga trasmesse dalla Regione Basilicata all'Inps, per un totale di circa 3.000 lavoratori. Le domande (604 per Potenza e 300 per Matera) sono state già tutte ''lavorate dall'Inps in tempo reale, per cui ad oggi la giacenza è pari a zero''. Lo riferiscono in una nota congiunta il dipartimento attività produttive della Regione e la direzione regionale per la Basilicata dell'Inps, a firma dell'assessore Francesco Cupparo e del direttore regionale Michele Salomone, sottolineando come i rapporti tra Inps e Regione Basilicata siano improntati alla ''massima collaborazione nell'interesse di tutti i cittadini lucani''.

Per 57 domande (44 di Potenza e 13 di Matera) è stata riscontrata la mancanza dei requisiti indispensabili per il riconoscimento del beneficio.

''Ad oggi - prosegue la nota congiunta - le sedi Inps di Potenza e Matera hanno effettuato tutte le elaborazioni propedeutiche ai pagamenti per le aziende autorizzate che hanno restituito il previsto ''flusso SR41'', debitamente compilato in ogni sua parte per consentire l'acquisizione dei dati necessari alle liquidazioni in favore dei lavoratori beneficiari delle somme, comprensive dei benefici accessori ove spettanti. Cupparo assicura che l'invio dei flussi telematici all'Inps procede ''ai ritmi massimi sopportati dai sistemi in uso, che non hanno mai subito interruzioni di sorta e si attesta su livelli proporzionalmente superiori a quelli che si registrano nella media nazionale''.

E aggiunge che prosegue l'impegno del coordinamento degli assessori regionali al lavoro nei confronti del Governo e del ministro Catalfo per ''semplificare la procedura di accesso alla cassa integrazione in deroga e ridurre quanto prima i tempi per l'erogazione della stessa''. Quindi auspica, per aiutare le imprese in difficoltà per l'anticipazione dell'indennità, che ''il sistema bancario intervenga in tempi celeri per alleviare il problema della mancanza temporanea di reddito che colpisce i lavoratori destinatari dei trattamenti in deroga, erogando anticipi o prestiti, in attuazione di un accordo nazionale sottoscritto tra Abi e sindacati''.
  • Lavoro
  • INPS
Altri contenuti a tema
Due progetti contro la violenza e la discriminazione Due progetti contro la violenza e la discriminazione A Matera all'ospedale e alla caserma dei carabinieri
Coronavirus: ispezioni dei carabinieri in aziende e cantieri Coronavirus: ispezioni dei carabinieri in aziende e cantieri In alcuni casi riscontrate delle mancanze sulla sicurezza
Prefettura e Provincia a confronto con parti sociali Prefettura e Provincia a confronto con parti sociali Per la sicurezza sul lavoro con i protocolli anti-Covid19
1 La Basilicata 'scalpita' per ripartire e lavorare La Basilicata 'scalpita' per ripartire e lavorare Il presidente Bardi oggi in videoconferenza con le categorie produttive
Agricoltura, firmato accordo per sicurezza dei lavoratori Agricoltura, firmato accordo per sicurezza dei lavoratori Associazioni di categoria e sindacati concordano le misure precauzionali
Le parole del vescovo di Matera ai giovani che lasciano la propria terra Le parole del vescovo di Matera ai giovani che lasciano la propria terra "Siate protagonisti del cambiamento", scrive Caiazzo nel messaggio per il Sinodo
Con le tecnologie emergenti cento posti di lavoro a Matera Con le tecnologie emergenti cento posti di lavoro a Matera Questa la previsione del programma firmato al Ministero dello sviluppo economico
Maxi truffa all'Inps, denunciate 501 persone nel Materano Maxi truffa all'Inps, denunciate 501 persone nel Materano Indagine della Procura e dei Carabinieri per "falsi braccianti"
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.