Ispettorato del lavoro
Ispettorato del lavoro
Cronaca

Coronavirus: ispezioni dei carabinieri in aziende e cantieri

In alcuni casi riscontrate delle mancanze sulla sicurezza

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
In Basilicata circa cento imprese, di vari settori produttivi ed economici, sono state controllate dai carabinieri dei Nil, i nuclei dell'ispettorato del lavoro di Potenza e Matera, per verificare il rispetto delle regole sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e delle disposizioni anti-Covid.

Alle ispezioni partecipano i rappresentanti dell'ispettorato interregionale e delle aziende sanitarie e, in alcuni casi, pure i vigili del fuoco. In circa quindici attività ispezionate sono state rilevate delle mancanze, in particolar modo per il mantenimento del distanziamento fisico nei luoghi di lavoro, comprese le aree comuni (come le mense aziendali) e gli spogliatoi, per la sanificazione degli ambienti di lavoro e degli automezzi aziendali, per l'informativa ai dipendenti e per le dotazioni di dispositivi di protezione individuale.

Queste le attività svolte in provincia di Matera. A Valsinni e Rotondella, rispettivamente, in un allevamento e in una ditta che realizza impianti elettrici, idrici e termici, è stata riscontrata la presenza di un lavoratore in "nero", la mancata predisposizione del documento di valutazione dei rischi nonché l'assenza di misure per consentire il distanziamento all'interno degli spogliatoi.

A Stigliano e Salandra sono stati controllati alcuni cantieri edili in cui è stata accertata la mancata sanificazione dei locali spogliatoio e distribuzione ai lavoratori dipendenti di DPI monouso, oltre che, in un caso, verificato violazioni in materia di igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro. A Montescaglioso il gruppo ispettivo ha controllato due supermercati, appurando la mancanza del regolamento sulle misure da adottare per il contrasto al virus e la presenza di due lavoratori irregolari, condizioni che hanno determinato la sospensione temporanea di entrambe le attività.

A Matera e Grassano: in un'azienda informatica riscontrata la mancata informazione dei lavoratori dipendenti sulle misure da adottare per evitare il contagio; in due panifici, la presenza di un lavoratore irregolare. A Tricarico, in due aziende, sono state riscontrate la carenza delle condizioni igieniche dei bagni e a Marconia di Pisticci, in un supermercato, i datori di lavoro non avevano informato i dipendenti sulle misure da adottare per evitare il contagio e non avevano previsto la sanificazione dei locali.
  • Lavoro
  • Sicurezza
Altri contenuti a tema
Prefettura e Provincia a confronto con parti sociali Prefettura e Provincia a confronto con parti sociali Per la sicurezza sul lavoro con i protocolli anti-Covid19
1 La Basilicata 'scalpita' per ripartire e lavorare La Basilicata 'scalpita' per ripartire e lavorare Il presidente Bardi oggi in videoconferenza con le categorie produttive
Cassa integrazione in deroga, arrivate 900 domande Cassa integrazione in deroga, arrivate 900 domande Dalla provincia di Matera sono 300
Agricoltura, firmato accordo per sicurezza dei lavoratori Agricoltura, firmato accordo per sicurezza dei lavoratori Associazioni di categoria e sindacati concordano le misure precauzionali
Le parole del vescovo di Matera ai giovani che lasciano la propria terra Le parole del vescovo di Matera ai giovani che lasciano la propria terra "Siate protagonisti del cambiamento", scrive Caiazzo nel messaggio per il Sinodo
Con le tecnologie emergenti cento posti di lavoro a Matera Con le tecnologie emergenti cento posti di lavoro a Matera Questa la previsione del programma firmato al Ministero dello sviluppo economico
Comune: prorogati i contratti per 51 unità a tempo determinato Comune: prorogati i contratti per 51 unità a tempo determinato Con i fondi disponibili per le leggi sui Sassi e su Matera2019
Reddito di cittadinanza, troppi "no" per il contratto di lavoro Reddito di cittadinanza, troppi "no" per il contratto di lavoro In Basilicata finora firmati 2600 patti mentre altri 1300 beneficiari rinunciano
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.