Presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte
Presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte
Politica

I sindacati scrivono a Conte, queste le priorità della Basilicata

Quattro temi tra cui lo sviluppo che può partire da Matera2019

Il presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte ieri ha incontrato a Potenza i sindaci della Basilicata per presentare il contratto istituzionale per lo sviluppo del Sud.

I sindacati Cgil, Cisl e Uil non sono stati invitati. Così hanno trasmesso al presidente Conte un documento in cui relazionano sulle priorità della regione. I temi esposti si dividono in quattro aree: infrastrutture, Matera 2019, Zona economica speciale, petrolio. Quello delle infrastrutture, secondo i sindacati, è cruciale poiché esiste una ''moltitudine di opere pubbliche bloccate o che si trascinano lentamente verso un approdo che appare sempre sfuggente, in particolare nel settore delle infrastrutture di trasporto in cui la Basilicata conta un non invidiabile primato di arretratezza'' e ''si tratta di assolute priorità per l'importanza che esse rivestono nella mobilità di merci e persone sul territorio regionale''.

Per Matera2019, ritenuto ''la stazione di partenza di un percorso'', le sigle del lavoro presentano alcune proposte tra cui ''la definizione di un contratto di sito e di area; la risoluzione delle questioni logistico-infrastrutturali; la creazione mirata su Matera di alcuni presidi permanenti di innovazione (design, urbanistica e architettura dei centri urbani minori, servizi innovativi, marchio made in Matera) per dare continuità all'esperienza di capitale europea della cultura''.

"È indubbio che il successo di Matera 2019 è tanto maggiore quanto più gli eventi proposti potenziano l'infrastruttura materiale e anche immateriale della città - sostengono i segretari generali delle organizzazioni lucane - producendo non solo reddito aggiuntivo, nuova occupazione, sviluppo locale, ma anche consolidando e reinventando il capitale sociale e umano. Si tratta ora di raccogliere e consolidare gli elementi di "invenzione" di un modello di industria culturale e di progetto di rigenerazione urbana nel lavoro quotidiano delle forze in campo per Matera 2019".

Aggiungono i sindacati: "C'è poi il problema, non certamente secondario, di tenere un monitoraggio sempre aggiornato della rete attuativa delle opere e degli interventi in corso di realizzazione. La valutazione dei processi programmati, infatti, ha rilevanza sociale e sindacale oltre che tecnica. Per il complesso di interventi che stanno interessando la città di Matera, per un valore stimato di circa 60 milioni di euro, stimiamo un potenziale effetto occupazionale di almeno di un migliaio di nuovi posti di lavoro. Il nostro auspicio è dunque di arrivare a un'intesa e a un crono-programma condiviso e credibile su questi e altri punti qualificanti per rafforzare Matera 2019".

I sindacati auspicano "un contagio delle buone pratiche sperimentate a Matera per fare della Città dei Sassi una capitale cosmopolita aperta sul futuro ma anche una finestra aperta sullo sviluppo dell'entroterra lucano. Un obiettivo che può essere raggiunto con il rafforzamento della cooperazione istituzionale e il suo allargamento alle parti sociali".
  • Sindacati
  • Infrastrutture
  • Matera2019
Altri contenuti a tema
Presentato a Matera il Forum per la Riforma Agraria Presentato a Matera il Forum per la Riforma Agraria Giornata mondiale della lotta contadina
"Alle radici dell'umano" fino a domenica 28 aprile "Alle radici dell'umano" Imperdibile mostra d'arte contemporanea
Materre: cantiere cinepoetico euromediterraneo fino a lunedì 27 maggio Materre: cantiere cinepoetico euromediterraneo Confronto con illustri nomi della poesia, dell’antropologia, del cinema, della letteratura
Aumentano i "no" al progetto di Matera2019 nella gravina Aumentano i "no" al progetto di Matera2019 nella gravina Associazioni ambientaliste contrarie alla ragnatela d'acciaio
Matera, l’Italia meridionale e il Mediterraneo tra '400 e '500 fino a lunedì 19 agosto Matera, l’Italia meridionale e il Mediterraneo tra '400 e '500 Rinascimento visto da Sud
Una "ragnatela" d'acciaio su tutta la gravina Una "ragnatela" d'acciaio su tutta la gravina Il progetto di Matera2019 non piace al Wwf
Lumi di Chanukkah - Fondazione Sassi fino a mercoledì 1 maggio Lumi di Chanukkah - Fondazione Sassi Dialogo tra artisti, luoghi, religioni e sensibilità
Il Comune prende impegni a favore dei pensionati Il Comune prende impegni a favore dei pensionati Intesa con i sindacati. Guardia alta contro l'aumento dei prezzi e si spera in sgravi fiscali
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.