convento di s. Lucia e s. Agata
convento di s. Lucia e s. Agata
Vita di città

Restauri finiti in due luoghi storici, presto di nuovo fruibili

Chiesa di Santa Maria de Armeniis ed ex convento di Santa Lucia-Sant'Agata

Finalmente i lavori sono finiti a Santa Maria de Armeniis e a Santa Lucia-Sant'Agata e il Comune rientra in possesso degli immobili. Si sono finalmente concluse le opere di restauro e di riqualificazione del complesso monumentale monastico di Santa Lucia e Sant'Agata e della chiesa Santa Maria de Armeniis, due meravigliosi contenitori culturali nuovamente a disposizione della comunità.

Due interventi con tempistiche e modalità di finanziamento differenziate, che giungono a conclusione contemporaneamente.

La riqualificazione del complesso monastico di Santa Lucia e Sant'Agata (chiuso dal 2016) è costata 300 mila euro che sono serviti per il ripristino e l'impermeabilizzazione delle coperture, la realizzazione di un camminamento perimetrale pavimentato in cotto, la pulitura delle murature, il restauro del paramento murario oltre che la sostituzione degli infissi, degli impianti di riscaldamento.

Le opere di recupero della chiesa Santa Maria de Armeniis sono state realizzate utilizzando i fondi a disposizione per un programma di riqualificazione del circuito urbano delle chiese rupestri, nel quale erano contemplate anche la chiesa di Santa Barbara ed il Convicinio di Sant'Antonio, con un finanziamento per i tre interventi pari ad un milione di euro.

Un importante risultato rimarcato anche dalle Parole dell'assessore ai lavori Pubblici, Nicola Trombetta, che ha sottolineano il vantaggio di avere a disposizione due nuovi contenitori culturali, preannunciando anche l'imminente consegna di un'altra importante opera.

"Nell'area di Porta Pistola procedono intanto gli interventi di consolidamento del costone roccioso sottostante al piano dello slargo su cui verrà posato il nuovo basolato. Si concluderanno in primavera per permettere la riapertura del cosiddetto Ponte tibetano, opera molto apprezzata da turisti, che consente di attraversare il torrente Gravina e risalire la Murgia sul versante opposto a quello dei Sassi".
  • Riqualificazione
  • Chiese rupestri
Altri contenuti a tema
Itinerari “Nel segno del pane” fino a venerdì 19 agosto Itinerari “Nel segno del pane”
Visite guidate nelle chiese di Murgia Timone Visite guidate nelle chiese di Murgia Timone Madonna delle tre porte e San Falcione
Murgia Timone, la protesta di Matera Civica Murgia Timone, la protesta di Matera Civica Il consigliere Pasquale Doria spiega le ragioni che lo hanno spinto ad abbandonare l’aula consiliare
Chiese rupestri chiuse, i chiarimenti dell'ente parco Chiese rupestri chiuse, i chiarimenti dell'ente parco Intervento del consigliere L'Episcopia
Chiese rupestri chiuse, rammarico del sindaco Chiese rupestri chiuse, rammarico del sindaco Bennardi: “Siamo già a lavoro per cercare una soluzione”
Montemurro nel direttivo del Parco chiese rupestri Montemurro nel direttivo del Parco chiese rupestri Il consigliere dei Verdi rappresenterà il Comune nell’ente gestionale
Iniziano i lavori di riqualificazione nel rione Pini Iniziano i lavori di riqualificazione nel rione Pini Opere di manutenzione strade, marciapiedi e spazi verdi per 400mila euro
Chiesa rupestre Santa Barbara: necessario il restauro degli affreschi Chiesa rupestre Santa Barbara: necessario il restauro degli affreschi Individuata la ditta che eseguirà i lavori per l'importo di 39.183,05 euro oltre IVA
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.