Presentazione sito open-art.it
Presentazione sito open-art.it
Vita di città

Presentato il sito open-art.it, dedicato all'arte contemporanea

Una idea delle materane Anna Paterino e Rossella Loperfido

E' stato presentato il portale www.open-art.it, un archivio digitale per l'arte contemporanea, nato dall'idea di Anna Paterino e Rossella Loperfido, materane, entrambe di formazione umanistica e socie fondatrici dell'associazione culturale "Fuori Ar.te."

Il sito
www.open-art.it è il risultato finale del progetto "Ars extra moenia – arte fuori le mura", finanziato dal Bando Nuovi Fermenti - Progetti per la realizzazione di nuove idee creative della Regione Basilicata e realizzato grazie alla collaborazione tecnica con la società Artedata sas. Il portale è uno strumento utile agli artisti per conservare quante più informazioni possibili sulle opere d'arte contemporanea.

L'arte contemporanea, infatti, utilizzando materiali e tecniche non convenzionali, spesso presenta subito degradi anche a distanza di pochi anni, che possono essere affrontati secondo diverse soluzioni. Ne consegue la necessità di uno spazio virtuale, appunto "fuori le mura" fisiche di uno studio privato, in grado di conservare le informazioni sulle opere: dai materiali utilizzati alle tecniche messe a punto dagli stessi artisti, dalle localizzazioni delle opere allo stato di conservazione, dalle indicazioni per le installazioni, alle dimensioni.


Il sito www.open-art.it, utilizzando un software di archiviazione, presenta per ogni artista una sezione personale e un catalogo di opere. Ogni opera, corredata da foto, ha la sua scheda tecnica organizzata sul modello della scheda ministeriale OAC. Particolare attenzione è data alle interviste agli artisti, i quali, rispondendo a poche domande, inquadrano il proprio punto di vista personale sul restauro e, nello specifico, se sono favorevoli a interventi, se preferiscono operare personalmente su un degrado presentatosi sulla propria opera o se preferiscono affidarsi a terzi. L'inserimento dei dati può avvenire in autonomia da parte degli artisti o da operatori. I dati contenuti nella scheda conoscitiva, in questo modo, sono a disposizione di chiunque ne farà richiesta.


Il progetto ha una base ampiamente scalabile e riproducibile perché interessa ogni forma di arte contemporanea (dalla pittura alla scultura, dalla fotografia ai combines, dall'artigianato alle installazioni e alla video arte) e parte da una dimensione regionale espandibile ad un territorio più ampio.

Il portale prevede anche una sezione divulgativa relativa alle mostre.

Ad oggi, nel sito www.open-art-it, sono registrati 4 artisti: Donato Faruolo, Giuseppe Filardi, Pino Lauria e Pino Oliva, questi ultimi, presenti alla presentazione.

  • Arte
Altri contenuti a tema
Petrolio. Uomo e natura nell'era dell'Antropocene Petrolio. Uomo e natura nell'era dell'Antropocene Danza, perfomances e conversazioni a giugno e settembre
“Ragazzi della Bottega” alla biblioteca Stigliani “Ragazzi della Bottega” alla biblioteca Stigliani Alla fine del progetto verrà consegnata un'opera d’arte permanente
Street Art sui muri degli immobili dell'Ater Street Art sui muri degli immobili dell'Ater In via Frangione e via Leonardo Da Vinci
"In Mostra a Bottega", esposte le opere degli allievi di Mimmo Centonze "In Mostra a Bottega", esposte le opere degli allievi di Mimmo Centonze I lavori in mostra presso l’atelier dell’artista
1 Nuovo volto per la zona Matera 2000 Nuovo volto per la zona Matera 2000 Restyling per due facciate delle case popolari ad opera di due artisti pugliesi
Face’ Arts 2016, presentato l’evento internazionale di arte contemporanea Face’ Arts 2016, presentato l’evento internazionale di arte contemporanea All’ex ospedale San Rocco mostra aperta al pubblico dal 26 marzo al 9 aprile
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.