Vico Piave, è il giorno della memoria
Vico Piave, è il giorno della memoria
Vita di città

Vico Piave, Calculli scrive al Presidente della Repubblica

“E’ un peso inaccettabile la posizione dell’amministrazione comunale”

Riceviamo e pubblichiamo

"Egregio Signor Presidente,

come cittadino della Repubblica che Lei degnamente rappresenta Le scrivo per denunciare la situazione gravissima e paradossale che vivo da oltre un anno.
Come certamente avrà letto dalle cronache, l'11 gennaio 2014 a seguito del crollo di un fabbricato in vico Piave a Matera ho perso in un colpo solo mia moglie, Dina Antonella Favale, tutti i miei averi e la casa, su cui continuerò a pagare un mutuo bancario della durata di altri 14 anni.

A distanza di 14 mesi il Comune di Matera non ha ancora provveduto ad assolvere all'impegno di rendermi disponibile un altro alloggio. Con Ordinanza del Sindaco n. 35465 del 24 luglio 2014 veniva effettuata la requisizione temporanea di un alloggio di E.R.P. di proprietà dell'ATER di Matera sito al borgo La Martella in via Cavone n. 5 e disposta l'assegnazione temporanea (per 3 anni) dello stesso al sottoscritto, con un canone locativo, sulla base di una serie di motivazioni riassumibili nella condizione di emergenza abitativa determinata dal crollo.

Circa un mese prima (27.6.2014) la Dirigente del Settore Politiche Sociali mi convocava per l'accettazione formale dell'assegnazione temporanea del su citato alloggio, accettazione formalizzata il successivo 30 giugno.
Purtroppo non ho potuto mai prendere possesso dell'alloggio che mi è stato assegnato perché lo stesso era già stato abusivamente occupato da un altro nucleo familiare che probabilmente vive un'emergenza abitativa non meno grave ma che, comunque, non era destinatario dell' "ordine di interpello" dei nuclei familiari coinvolti nel crollo di vico Piave. Soprattutto nessuno mi ha più contattato nei successivi 9 mesi per informarmi dell'evolversi della situazione, sulle procedure messe in atto per adempiere all'oggetto dell'ordinanza suddetta, lasciandomi nella più totale disinformazione e abbandono.
Oggi, pare che il Tribunale abbia disposto lo sgombero di quell'alloggio che, tuttavia, necessita di lavori di ristrutturazione per renderlo vivibile e di spese di allaccio alle utenze, affitto e acquisto mobili e suppellettili, tenendo conto che ho perso TUTTO nel crollo della mia abitazione. Tuttavia, il mio stipendio da operaio non mi consente di sostenere una spesa del genere, soprattutto perché fra qualche mese mi ritroverò a pagare un mutuo della durata di altri 14 anni per un'abitazione crollata che ha portato via con se tutti i miei averi, tutti i miei beni acquistati con il nostro sacrificio e lavoro e soprattutto ha cancellato l'esistenza della mia amata consorte Dina Antonella Favale.
Nel frattempo la mia esistenza è stata resa ancora più difficile dalle situazioni di salute di mio padre e di mia zia, donna di 84 anni che mi ha cresciuto avendo perso mia madre quando avevo solo 12 giorni. Ritrovandomi sotto lo stesso tetto devo necessariamente occuparmi di loro, aiutandoli e sorreggendoli nelle loro difficoltà, mettendo da parte le mie necessità.

Ritrovarsi con questo oggettivo peso sulle spalle e scontrarmi con la posizione dell'amministrazione comunale di Matera, che sostiene di aver ottemperato, anche in maniera straordinaria, a tutto quello che di possibile può essere fatto e soprattutto non ha mezzi, norme e intenti per poter fare altro per dare sollievo reale alla mia situazione diventa pesante da accettare, peso inaccettabile per chi come me si comporta legalmente, dignitosamente e civilmente, degno abitante di una città eletta Capitale Europea della Cultura nel 2019.

Egregio Signor Presidente, per poterLe esprimere compiutamente ilmio pensiero, certo della Sua sensibilità, Le chiedo di poter essere ricevutoda Lei come cittadino di questa Repubblica".



Francesco Nunzio Calculli
  • Vico piave
Altri contenuti a tema
Sgomberati immobili in vico Piave e vico Santa Cesarea Sgomberati immobili in vico Piave e vico Santa Cesarea Desta preoccupazione un'infiltrazione di acqua
Sei condanne per il crollo tragico in vico Piave Sei condanne per il crollo tragico in vico Piave Erano nove gli imputati
Tragedia Vico Piave, nove indagati Tragedia Vico Piave, nove indagati Chiusa l’indagine sul crollo della palazzina
Secondo anniversario del crollo di Vico Piave Secondo anniversario del crollo di Vico Piave Il sindaco De Ruggieri e l'assessore Cangelli: "Incontri con i proprietari delle abitazioni per la ricostruzione"
Vico Piave, fondi straordinari dalla Regione Vico Piave, fondi straordinari dalla Regione 200.000 euro della legge finanziaria 2015 per la messa in sicurezza
Vico Piave, è il giorno della memoria Vico Piave, è il giorno della memoria Tanta gente e l'appello di Francesco: "Accelerate i tempi"
​Un anno dalla tragedia di Vico Piave ​Un anno dalla tragedia di Vico Piave Un abbraccio collettivo per non dimenticare
Vico Piave, Adduce rinvia decisioni urgenti per gli sfollati Vico Piave, Adduce rinvia decisioni urgenti per gli sfollati Il sindaco:"Stiamo cercando delle soluzioni"
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.