donazione sangue
donazione sangue
Ospedale e sanità

Covid-19, importante donare sangue per la sperimentazione

L’invito arriva dall’Avis Basilicata. Plasma iperimmune utile alla ricerca

Donare sangue è importante ora più che mai. Questo l'appello lanciato dalla sezione lucana dell'Avis di concerto con le sedi di altre regioni per incentivare la donazione di sangue necessario alla sperimentazione per combattere il coronavirus. Dal plasma iperimmune che proveniente da donatori che hanno contratto il covid-19 e che risultano guariti, secondo la sperimentazione sanitaria in corso, possono arrivare valide risposte terapeutiche contro il virus.

Per questo motivo, l'Avis lucana si è già attivata per segnalare i possibili donatori di plasma iperimmune così da prelevarlo, congelarlo e utilizzarlo all'occorrenza. Anche perché la Basilicata con i suoi 18mila donatori rappresenta un importante patrimonio per la ricerca sulle possibilità di curare il virus in territorio lucano.

Anche se, a giudicare dal numero dei positivi al Covid-19 registrato finora nella regione, i soggetti potenzialmente in grado di diventare donatori di plasma iperimmune, non dovrebbero essere tanti.

Il metodo terapeutico che utilizza il plasma è stato sperimentato con successo a Pavia e Mantova, con risultati soddisfacenti che hanno portato alla diminuzione della mortalità e al migliorando dei parametri respiratori e dell'infiammazione. Insomma, una strada da perseguire per la cura, con l'obiettivo -spiegano dall'Avis Basilicata- "di mettersi in contatto con le Regioni che stanno utilizzando il metodo Pavia per partecipare all'arruolamento dei potenziali donatori, (dopo aver effettuato tutti i test e la valutazione anamnestica previste per le donazioni) e donare il plasma".

Ma è anche di fondamentale importanza una immediata partenza nelle operazioni di raccolta perché la concentrazione degli anticorpi neutralizzanti non dura per molto quindi diventa importante immagazzinare quanto più plasma possibile per utilizzarlo nella cura dei pazienti affetti da coronavirus. "Questo permette di non perdere anche i non numerosi donatori di siero iperimmune della regione Basilicata- concludono dall'Avis lucana.
  • Avis
  • Emergenza Coronavirus - Covid19
Altri contenuti a tema
Coronavirus: dubbi sul tracciamento dei contatti in Basilicata Coronavirus: dubbi sul tracciamento dei contatti in Basilicata Interrogazione di Cifarelli (Pd) dopo un servizio di Report
Conclusi i tamponi rapidi Covid, la scuola può ripartire Conclusi i tamponi rapidi Covid, la scuola può ripartire Trovati solo due positivi
Covid: vaccini, controlli dei Nas all’ospedale di Matera Covid: vaccini, controlli dei Nas all’ospedale di Matera Verificata la sicurezza dello stoccaggio
Covid: terza fase di 'screening' per le scuole Covid: terza fase di 'screening' per le scuole Da domani al 10 gennaio sono 6mila i test previsti
Covid, iniziate le vaccinazioni all'ospedale di Matera Covid, iniziate le vaccinazioni all'ospedale di Matera Aggiornamento sul bollettino sanitario della Basilicata
Coronavirus, arrivate a Matera le prime dosi del vaccino Coronavirus, arrivate a Matera le prime dosi del vaccino Si comincia dagli operatori sanitari dell'ospedale
Coronavirus, all'ospedale da campo di Matera si faranno tamponi e vaccini Coronavirus, all'ospedale da campo di Matera si faranno tamponi e vaccini Lo comunica il presidente della Regione Bardi
Covid, a rischio indennità malattia di inizio e fine quarantena Covid, a rischio indennità malattia di inizio e fine quarantena L’allarme lanciato dai medici di base
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
MateraLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.